“Classifiche”, considerazioni sulle vendite dei libri, a cura di Paolo Merenda

Grazie al mio sito (www.paolomerenda.it) e al mio lavoro di giornalista e recensore di testi, da qualche tempo ho potuto leggere molti generi diversi. Leggere il lavoro di un esordiente mi ha portato ad alcune riflessioni: perché alcuni libri, nonostante la bellezza oggettiva, restano meno venduti, meno letti e meno famosi di quelli degli autori “passati” alla scrittura?

In molti casi il motivo è semplice: un piccolo o medio editore non può competere con la Mondadori quanto a pubblicità, promozione e presenza dei titoli nelle librerie. Ma siamo sicuri che se un giovane pubblicasse un gioiello della letteratura il grande pubblico se ne accorgerebbe?

Giorni fa ho affrontato l’argomento durante la presentazione di un libro di cui sono coautore, a margine della serata con alcuni amici si è arrivati a parlare del boom di vendite di “Cotto e mangiato”, il libro di Benedetta Parodi. Il traino del programma televisivo ha influito, certo, ma a mio modo di vedere non è stato l’unico motivo del successo in classifica.

Non sono il primo a dirlo, ma in Italia non si legge. Di conseguenza, se Fabio Volo, Benedetta Parodi o un altro personaggio televisivo pubblica un libro, qualche vendita arriva per il nome dell’autore, non certo per il contenuto.

Fabio Volo non vende solo perché famoso, ma anche perché ormai il pubblico si è abituato e aspetta il suo libro non per leggere lui, ma per leggere. Lo stesso vale per chi segue solo Ken Follett o qualunque altro scrittore, italiano o no. La crisi influisce, ma comprare così poco porta a scegliere determinati autori.

Altro problema sul perché il pubblico scelga determinati autori, sempre gli stessi. Il motivo è identico a quello per cui molti italiani vanno una sola volta l’anno al cinema, a Natale per il cinepanettone. Non c’è la volontà di vedere un film, o leggere un romanzo, che porti a pensare, a profonde elucubrazioni mentali. Le persone vogliono poter dire di leggere, ma per farlo non si impegnano affatto. Il nodo è questo, e se sugli scaffali non ci fossero Fabio Volo, Dan Brown, Giorgio Faletti o Benedetta Parodi ci sarebbero altri nomi, altre facce, ma la situazione non cambierebbe di una virgola.

PAOLO MERENDA

E’ SEVERAMENTE VIETATA LA RIPRODUZIONE E/O LA DIFFUSIONE DI QUESTO TESTO INTEGRALMENTE O IN FORMA DI STRALCI SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTORE.

“Serena e di stelle…”, poesia di Emanuele Marcuccio con commento critico a cura di Luciano Domenighini e di Cinzia Tianetti

“Serena e di stelle…”

di Emanuele Marcuccio

Dolce e chiara è la notte e senza vento,

Giacomo Leopardi,

da «La sera del dì di festa»

Serena e di stelle

è la notte, di cielo

e di vento che sibila in me…

e pioggia e di vento nell’anima

che fischia

al tedio che l’avvolge

e volge indietro i giorni

di quei perduti dì

che mai

si volgeranno…

(16/3/2012)

 

 

“Serena e di stelle…”

Commento a cura di Luciano Domenighini

Questa lirica si potrebbe definire un “idillio interiorizzato”, dove gli elementi della natura entrano ad abitare l’animo del poeta. In questi pochi versi Marcuccio si abbandona totalmente al gioco di cogliere e riprodurre intatte le frasi poetiche, così come gli sgorgano dalla sorgente dell’ispirazione e di aggiogarle con libertà, facendo assurgere lo zeugma e l’anacoluto a raffinati strumenti espressivi. Tessuto connettivo, legante di questo poetare non sono più le concordanze sintattiche o logico concettuali, rese labili o addirittura trasgredite senza rimpianto, ma il fluire spontaneo della musica dei versi e il loro associarsi secondo forze misteriose. Interessante, da un punto di vista metrico, scoprire la reale natura dei primi tre versi (senario, settenario, novenario) che in realtà sono due separati dalla virgola, entrambi specificanti del bel sintagma leopardiano “Serena è la notte” : un novenario ellittico reso elegante dall’anastrofe, e un vigoroso endecasillabo tronco sapientemente alleggerito dai punti di sospensione. Anche qui Marcuccio si conferma maestro nell’escogitare, spontaneamente, inedite e complesse architetture metriche.

 

A CURA DI LUCIANO DOMENIGHINI                                                        

22 aprile 2012

“Serena e di stelle…”

Commento a cura di Cinzia Tianetti

Auspicativo: qualcuno l’ha vista “Dolce e chiara”  la notte “e senza vento”. La risposta è lì, in quei pochi versi del grande poeta Giacomo Leopardi, con cui si apre «La sera del dì di festa», riposto lì è l’incipit, che apre la nostra lirica: “Serena e di stelle / è la notte, di cielo”. S’intravede un nuovo orizzonte per l’anima e il cuore, in cui sarà senza vento la notte, e dolce. E quei giorni, al tedio, che avvolge l’anima, volti indietro, a quei perduti dì, si schiariranno al pacificarsi dell’anima “di quei perduti dì / che mai / si volgeranno…”.Ma ecco le note che movimentano la poesia stessa nel loro far intravedere l’ondosità della nostra stessa esistenza, del riposto segreto che avvolge l’anima dell’uomo: quei dì perduti che troveremo nella melanconia, nel dolcissimo amaro ricordo, nel tedio, che inteso in senso senecano, ci fa filosofare sul perché “sono io e non un altro”, sul perché “proprio a me”, mentre i fantasmi vivono la dimora di un passato che torna come l’onda alla riva. Quei giorni non torneranno più, animando, così, il nostro stesso animo, strappato all’impassibilità dello “stare”, mosso al cielo di stelle o di vento o di pioggia, all’esistere e all’essere. Sicuri che la sera arriverà al giorno, il sereno alla pioggia e al vento, e che il cielo sarà di nuovo stellato, ma nella ciclicità del ritorno. Ed Emanuele, in questa lirica ci mostra che l’alternarsi è il reale vissuto, l’alternarsi dei nostri sentimenti al sentire dell’intimo nostro io.L’anima, ora cielo desiderante, obnubila, nei giorni perduti, il suo stesso io perché sa che il tempo trascorre portandosi via un cammino costruito in ciò che diventiamo, in ciò in cui volgeremo, aspettandoci la serena notte che avvolge gli occhi e il cuore, rincuorandoci alla fine dei giorni.Ecco il lascito di questi versi che leggo con gran lucidità, con il medesimo contraddistinto segno malinconico, così tipico di questo autore, legandoci col pensiero a quel filo che si annoda così bene sull’ultimo accento, sull’ultimo suono di parola. Con questi versi ci mostra che il segreto del vivere è riposto in una circolarità che non è mai banale o scontata ripetizione ma annodata, salomonica[1] circolarità psichica-emozionale: quindi, non una banale circolarità ma la circolarità che può avere un “nodo”, un “annodamento” in cui tutto si risolve sì nell’unione dei due capi ma non in maniera così “lineare” e facile. Un nodo che unisce e contemporaneamente, vincola, esprimendo una circolarità senza soluzione di continuità, intesa anche come l’unione e il vincolo dell’uomo con la sua dimensione interiore, con la sua parte irrazionale e emotiva, in una visione in cui nessuno stato d’animo è definitivo.

A CURA DI CINZIA TIANETTI                                                                       

22 aprile 2012

POESIA E COMMENTI PUBBLICATI PER GENTILE CONCESSIONE DEGLI AUTORI. E’ VIETATA LA RIPRODUZIONE E LA DIFFUSIONE DI STRALCI O DELL’INTERO ARTICOLO SENZA IL PERMESSO DEGLI AUTORI


[1] Il nodo di Salomone, simbolo frequente nei pavimenti musivi dell’arte paleocristiana, esprime sia conflitto che ricongiunzione, riappacificazione, tra il terreno e il celeste.

Premio Letterario Naz.le De Leo – Bronte – Risultati finali e verbale di giuria

Su gentile richiesta della professoressa Maddalena De Leo, promotrice del premio letterario, si diffonde di seguito la scheda dei risultati e il verbale di giuria. Per maggiori informazioni si consiglia di contattare direttamente la sig.ra De Leo al suo indirizzo internet.

PREMIO LETTERARIO DE LEO-BRONTË 2012 –  RISULTATI

 

 La Commissione giudicatrice del Premio suddetto, chiamata ad esprimere il proprio parere in merito alle 39 poesie e agli otto racconti pervenuti si è espressa nel modo seguente:

 Sono state considerate finaliste le poesie che nel testo contenevano un esplicito riferimento ai romanzi, ai personaggi e/o ai luoghi brontëani nonché alle stesse autrici Brontë.

  • Nessuno dei poeti partecipanti è stato escluso, di ogni poeta è stata scelta almeno una poesia. Sono state incluse per la pubblicazione nell’antologia massimo due poesie di uno stesso autore. Per l’esclusione della terza ci si è basati quasi sempre sulla minore aderenza alla tematica richiesta.
  • Sono stati inclusi per la pubblicazione nell’antologia sei degli otto racconti pervenuti (nell’ordine in cui si sono classificati). I rimanenti due risultavano non rispondenti ai canoni fissati dal Regolamento del Premio.

 

  • Le tre poesie vincitrici sono le seguenti:

 1^ classificata:    PROMESSA  di  Carla De Falco  (Napoli)

 Motivazione: 

            Dolce e delicata manifestazione di un desiderio d’amore intenso anche se timidamente   espresso, la poesia demanda all’amato con parole semplici l’impegno di una futura vita felice. Nell’ultima terzina l’autrice riesce in maniera brillante e con un solo aggettivo             a motivare in maniera incisiva la specificità della richiesta.

 Premio: Un numero del periodico Brontë Studies,  Novembre 2003,   Attestato di merito e segnalazione

 2^ classificata: VIA DA GRASSDALE MANOR di Anna Maria Dall’Olio                             (Pistoia)

 Motivazione:

           La poesia riproduce in soli tredici versi gli aspetti più evidenti e i momenti-chiave del secondo romanzo di Anne Brontë. In modo fotografico e con frasi d’effetto l’autrice riesce ad enucleare con maestria l’universo psicologico della protagonista di ‘The Tenant’           connotandolo anche epistemologicamente.

 Premio:  Drammatizzazione BBC 1978 Wuthering Heights,     Attestato di merito e segnalazione

 3^ classificata: HAWORTH  di Silvia Mazzanti (Chivasso, TO)

Motivazione:

   Tristemente evocatrice, la poesia ‘Haworth’ sembra indugiare su suoni e ambienti che  accompagnarono sin dall’inizio la vita solitaria delle Brontë. Anche il lento ritmo scandito dalle tre strofe contribuisce a rendere questi versi malinconicamente belli.

    Premio:  CD Anois con poesie di Emily Brontë in musica,    Attestato di merito e segnalazione

 

I tre racconti vincitori sono i seguenti:

 1° classificato:  IL MIO MONDO  di Francesca Santucci  (Bergamo)

 Motivazione:

Lavoro pregevole in cui è evidente la perfetta empatia avvertita dall’autrice Francesca Santucci verso l’argomento trattato. Sostenuto da una prosa ricca, espressiva e quanto mai precisa, il testo è la confessione spirituale di Emily Brontë così come lei stessa l’avrebbe scritta nell’ultimo mese della sua vita. I ricordi della prima infanzia e di un’adolescenza povera danno spazio ben presto alla descrizione minuziosa e attenta di quella natura che fu davvero il mondo della Brontë. La pagina dedicata alla brughiera, sintetizzando perfettamente l’estro creativo che è alla base della sua poetica, costituisce di conseguenza il fulcro del racconto e lo rende verosimilmente pseudo-brontëano.   

 Premio: Un numero del periodico Brontë Studies, Marzo 2008, Attestato di merito e segnalazione

 2° classificato: IO, JANE  di Marzia Ciardi  (Rosignano Marittimo – LI)

 Motivazione:

Una originale scrittura su due piani contraddistingue questo racconto: da un lato vediamo l’autrice Charlotte che cerca di allontanarsi impersonalmente dal proprio dramma d’amore durante la stesura di Jane Eyre, dall’altro la discepola zelante e innamorata ma soprattutto rassegnata a sacrificare un amore che la segnerà per la vita. Scritta in forma epistolare e arricchita a inizio e fine da citazioni tanto classiche che contemporanee, questa sofferta confessione al professor Heger viene talvolta interrotta da interessanti squarci di vita domestica che riescono a ristabilire l’equilibrio narrativo del testo facendo ad esso da cornice.

 Premio:  DVD The Brontë Sisters, Classic Literature, Red Duke 2008, Attestato di merito e segnalazione

 

  • 3° classificato: NE’ TERRA, NE’ MARE, NE’ CIELI TERSI  di Eleonora Muriello (S.Nicola la Strada –CE)

 Motivazione:

Il racconto, dalla prosa semplice e lineare, è una originale esegesi familiare narrata dal punto di vista di Anne Brontë che, in prima persona e senza indugiare su sé stessa, descrive in maniera asciutta e realistica gli avvenimenti e i momenti di vita più salienti della vita dei propri cari. L’ammirazione e l’affetto provati da sempre per la sorella Emily hanno chiaramente la priorità e ciò viene ben sottolineato dall’autrice con le frequenti citazioni di versi tratti dalle poesie di Emily Brontë. Molto interessante dal punto di vista contenutistico, il testo riesce a dare l’esatta dimensione del particolare ‘afflato’ che caratterizzò sempre il rapporto d’affetto tra le due sorelle minori.

  Premio: CD ANOIS Poesie di Emily Brontë trasposte in musica, Attestato di merito e segnalazione

  

  • L’ordine di classificazione dei sei racconti pervenuti è il seguente:
  •  

1)      Il mio mondo di Francesca Santucci

2)      Io, Jane di Marzia Ciardi

3)      Né terre, né cieli, né mari di Emanuela Mauriello

4)      Back to the West Indies di Lorenzo Spurio

5)      Riflessioni di Angela D’Angelo

6)      Il sosia di Zamorna di Emanuela Fidanza

 

 L’antologia ‘BRONTËANA’ può essere prenotata all’indirizzo di posta elettronica deleom@tiscali.it

 

La Commissione giudicatrice:

 

1)      Prof.ssa Maddalena De Leo (organizzatrice del Premio – traduttrice, scrittrice Brontëana e consulente editoriale italiana Brontë Studies)

2)      Prof.ssa Elisa Fierro (Kansas University, Lawrence, U.S.A. – referente Brontë sezione americana)

3)      Prof.ssa Caterina Lerro (Liceo Statale Gandhi – Casoria (NA) – esperta shakespeareana e autrice di testi scolastici in  lingua inglese)

4)      Dott.ssa Raffaella Pazzaia (grafica editoriale e socio promotore sezione italiana Brontë Society)

“Matteo e Ronja nel Parco Nazionale dello Stelvio-Settore Trentino” di Lara Zavatteri

MATTEO E RONJA NEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO-SETTORE TRENTINO. Di Lara Zavatteri

Si tratta di una fiaba per i bambini che vede come protagonisti, oltre al Parco, Matteo, un bambino di sei anni e il folletto Ronja. Insieme esploreranno il Parco e le sue bellezze in val di Rabbi e Peio, imparando i vari tipi di flora e fauna, le tradizioni di un tempo e i manufatti dell’uomo, ma anche l’importanza di rispettare l’ambiente. Per questo libro in particolare i disegni sono stati realizzati dal nipotino dell’autrice, Alessio, di 9 anni, che ha così illustrato la fiaba sia internamente sia sulla copertina.

 

Blog del libro:

http://matteoeronjanelparcodellostelvio.blogspot.com/

“L’inclinazione. Storia di Artemisia e Nives” di Lara Zavatteri

L’INCLINAZIONE. STORIA DI ARTEMISIA E NIVES. Di Lara Zavatteri

 

È  un libro di narrativa fantasy “L’Inclinazione. Storia di Artemisia e Nives”, dove le protagoniste sono la pittrice del Seicento Artemisia Gentileschi e una giovane giornalista dei nostri giorni, Nives. Artemisia, realmente vittima nel Seicento di una violenza ad opera di un amico del padre e decisa a far ricordare il suo nome per la sua arte e non per quanto aveva subito, prepara una pozione in grado di regalare a lei e ai suoi quadri l’immortalità, ma sbaglia. Gli effetti sono disastrosi nell’immediato e secoli dopo, quando entra in scena Nives, giornalista che si trova a scrivere del furto di un quadro proprio della Gentileschi. Ambientato a Trento, Nives si troverà a Roma, nella casa della pittrice, in un’avventura incredibile che la vedrà l’unica in grado di salvare il mondo dal predominio del male. Insieme ad altri protagonisti, si dà vita ad una disputa su episodi e personaggi della Storia che hanno scelto appunto il bene e il male e starà a Nives capire come agire. L’Inclinazione è davvero un quadro della Gentileschi (ritratta in copertina) ma s’intende anche l’attitudine di ognuno verso il bene o il male. Parlando di Artemisia e Nives si è voluta evidenziare la forza delle donne che sempre sanno rialzarsi, anche dalle situazioni apparentemente più disperate.

 

Blog del libro:

http://artemisiaenives.blogspot.com/

“Ritorno ad Ancona e altre storie” di Lorenzo Spurio e Sandra Carresi, recensione a cura di Rita Barbieri

Ritorno ad Ancona e altre storie

di Lorenzo Spurio e Sandra Carresi

Lettere Animate Editore, 2012

 

Recensione a cura di Rita Barbieri

 “Ritorno a Ancona e altre storie” è una raccolta di tre racconti brevi, uniti in un unico filo dalla presenza rilevante  delle figure femminili. Sono infatti loro ad essere le protagoniste indiscusse, il centro nevralgico attorno al quale ogni racconto si orienta, si proietta e si muove.

       Tre donne solitarie e di fatto sole, ma non per questo meno capaci di destreggiarsi in situazioni complicate, di trovare nei propri resti, nelle proprie insondabili risorse, la forza di riemergere dai flutti ondosi di una vita che non scorre mai linda e ordinata.

       Definirle donne forti, sarebbe improprio. Perché come molte donne reali, si lasciano abbandonare da “uomini che non sono più compagni”, piegare dal fascino di vite che sembrano appaganti almeno esternamente, dubitano di sé stesse più di quanto non lo facciano di quelli che hanno intorno. Le vediamo chiaramente, anche grazie a uno stile scorrevole e immediato, attraversare separazioni, drammi e scelte. Assistiamo attenti alle loro riflessioni interne, al loro processo di maturazione che segue perfettamente il tempo della narrazione, le seguiamo mentre fanno inequivocabilmente  e responsabilmente la cosa giusta, anche se non sempre la migliore.

      E alla fine le troviamo più donne di prima: più consapevoli, più tenaci e, se non più forti, almeno più resistenti. Agli urti, ai traumi, agli incidenti ma anche alle seduzioni facili e alle piccole gioie illusorie. Donne che, una volta sole, trovano sorprendentemente e per la prima volta in sé stesse la capacità di bastarsi. Di essere abbastanza. Complete così, anche se derubate di o da qualcosa.

       Potremmo leggere facilmente questo romanzo, liscio e scivoloso come un abito che cade bene, e apprezzarne altrettanto facilmente la struttura narrativa estremamente chiara e consequenziale o i periodi brevi e accurati. Ma potremmo anche leggerlo più intensamente come un piccolo romanzo di formazione che racconta storie di tutti i giorni: non per questo meno importanti, attuali o interessanti. Perché le storie di tutti i giorni sono anche le nostre ed è impossibile non ritrovarcisi in mezzo: riconoscere un pensiero che tante volte ci è appartenuto, un’espressione che ci è sfuggita di frequente o ammettere che, in certe occasioni, avremmo voluto avere almeno un po’ del  buonsenso delle protagoniste.

       Un collage di storie quotidiane, di esperienze comuni e di personaggi non archetipici che conduce, attraverso una prosa essenziale e ordinata, alla scoperta di un sottotesto personale e individuale, valido per ogni lettore. Una lettura sobria, semplice e piacevole, per questo consigliata.

 

a cura di Rita Barbieri    

15/04/2012

E’ SEVERAMENTE VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE DI QUESTO TESTO SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTRICE.

“Dalle ferite al perdono”, incontro con Agnese Moro, figlia dello statista italiano

In uscita “Una casa di petali rossi” di Kamala Nair

UNA CASA DI PETALI ROSSI

DI KAMALA NAIR

EDITRICE NORD

IN USCITA IL 26 APRILE 2012


La scrittrice è una ragazza americana di origine indiana. “Una casa di petali rossi” è il suo romanzo di esordio e racconta il viaggio in India della protagonista, Rakhee, alla ricerca delle proprie origini e dipinge con intima  semplicità la vita, le tradizioni ed i segreti che la sua famiglia indiana ha nascosto dietro un misterioso giardino inaccessibile.

Il romanzo è stato molto  apprezzato dai lettori americani (vedi Amazon http://amzn.to/kamalanaire
Goodreads http://bit.ly/HqhMDP. e recensito da importanti blog come Elle.com: 

“Leggere Una Casa Di Petali Rossi è un’esperienza indimenticabile: le protagoniste con i loro errori, i loro rimpianti, le loro paure e i loro segreti, lasciano il segno.”
http://fashion.elle.com/culture/2011/06/15/an-enchanting-family-odyssey/

e da importanti blog letterari come Publisher Weekly: “Nair ha creato un romanzo di formazione soddisfacente con una prosa delicata e uno sfondo lussureggiante” http://www.publishersweekly.com/978-0-446-57268-2
Se ti interessa si possono leggere le prime pagine del libro a questo indirizzo: http://www.unacasadipetalirossi.it/la-storia
o ascoltarle in questo video http://youtu.be/5sW0-H7_qE0e su Soundcloud http://snd.sc/IbNAcB

Abbiamo creato una sezione apposita per aiutare i blogger a trovare più informazioni possibili (biografia autrice, immagini e genesi del romanzo): http://www.unacasadipetalirossi.it/materiali

Buona Pasqua!!

Immagine

Emanuele Marcuccio, poeta palermitano, intervistato da Suroeste, rivista italo-venezuelana

Intervista internazionale (testo spagnolo a fronte) a Emanuele Marcuccio[1], la prima parte da pag. 116 a 123, del numero di aprile della web-magazine italo – venezuelana “Suroeste”, la seconda parte sarà online nel numero di maggio.


[1] EMANUELE MARCUCCIO è nato a Palermo nel 1974. Ha conseguito la maturità classica nel 1994. Coltiva dal 1990 con particolare dedizione il genere poetico; nel 2000 ventidue sue poesie sono apparse nel Volume antologico Spiragli 47 per l’Editrice Nuovi Autori di Milano. Varie poesie dell’autore sono apparse su Antologie poetiche e riviste nazionali e straniere e nel 2009 l’autore ha pubblicato la sua prima silloge di poesie intitolata Per una strada (SBC Edizioni) contenente la sua intera produzione poetica riguardante il periodo dal 1990 al 2006.

Dal giugno 2010 è collaboratore editoriale della casa editrice Rupe Mutevole dedicata alla scoperta di nuovi talenti; dall’ottobre 2011 è direttore onorario del blog di promozione culturale “Vetrina delle Emozioni”, curato dalla scrittrice e poetessa Gioia Lomasti e collaboratore della rivista online di letteratura Euterpe. Marcuccio ha scritto anche vari aforismi (di prossima pubblicazione nel Volume Pensieri minimi e massime), alcune poesie e pensieri ad argomento religioso, tuttora inediti e, negli ultimi tempi, ha curato una serie di interviste per “Vetrina delle Emozioni”. Sta terminando di scrivere un dramma epico in versi, ambientato in Islanda, a cui lavora fin dal 1990.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.852 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: