Origine e diffusione del vampirismo di Serena Bono, intervista all’autrice

INTERVISTA A SERENA BONO

Autrice del saggio Origine e diffusione del Vampirismo, il doppio volto della donna: angelo o demone?

Albatros Edizioni, Roma, 2010

Intervista a cura di LORENZO SPURIO


LS: Com’è nata l’idea di analizzare in un saggio critico-letterario la figura del vampiro?

SB: Sin da piccola sono stata attratta da storie macabre e dell’orrore e soprattutto da quelle di vampiri. Andando avanti con gli anni ho cercato di approfondire sempre più l’argomento. Leggendo e analizzando i vari racconti del genere e soprattutto quelli dedicati al vampirismo mi sono accorta di quanto poco si parlasse delle donne vampiro: era sempre l’uomo il protagonista delle narrazioni. Così ho cercato di studiarne le cause e rivalutarne la figura.

LS: Come tu alludi spesso nel testo, la figura del vampiro è polisemica e, analizzando vari testi o reperti che presentano la figura del vampiro, non è strano trovare anche informazioni diverse e contrastanti su di lui. Perché secondo te succede questo?

SB: Dobbiamo distinguere il vampiro che si crede realmente esistito da quello letterario. Partiamo dal presupposto che si sta trattando di un personaggio mitico e che quindi la maggior parte delle informazioni si rifaccia a leggende, i tratti che se ne ricavano sono principalmente estrapolati da fonti inizialmente orali e da tutto ciò che il folklore ci ha tramandato. Il vampiro ci appare con sembianze e comportamenti differenti a seconda del luogo e della condizione sociale che si sta vivendo in quel momento. E’ la letteratura che attraverso i secoli ne modifica l’aspetto: da bestia sanguinaria, rozza e primitiva a uomo fascinoso e acculturato.

LS: Quanto credi che il romanzo di Bram Stoker, Dracula, abbia contribuito a far conoscere la figura del vampiro nella nostra società?

SB: Molto. Per la creazione del conte Dracula, Stoker attinse soprattutto alle credenze del folklore rumeno prendendo spunto da una figura realmente esistita: il sanguinario Vlad Tepes.  L’opera di Stoker sarebbe una sublimazione di argomenti ritenuti tabù, una fusione fra i violenti e sanguinari attacchi dei vampiri e esperienze dei sensi in misteriosi incontri notturni. Il conte Dracula è un vampiro sottilmente perverso e con una sessualità deviata, dai tratti fortemente erotici: viso affilato, denti aguzzi e splendenti, folti capelli e un’espressione affascinante, implacabile ed erotico, una creatura diabolica che ha il compito di sedurre. Esso rappresenta le paure dell’uomo, il male che inconsciamente si teme e che alberga in ognuno di noi ma che non vediamo e riconosciamo.

LS: In uno studio attento come questo è rilevante il fatto che citi il racconto lungo dell’italo-inglese Polidori, Il Vampiro, considerato da molti come il primo testo letterario che affronta il tema del vampirismo. E’ semplicemente un luogo comune ed esistono narrazioni precedenti che affrontano il tema oppure è davvero pioniere nella scelta del tema del vampirismo in letteratura?

SB: Sicuramente Polidori fu il primo che realizzò un racconto che ha come protagonista un vampiro con le sembianze che tutti noi oggi conosciamo. Grazie a lui il vampiro assume aspetti particolari: in primo luogo la storia ha ben poco a che vedere con il fatto concreto di succhiare il sangue: l’argomento pressoché esclusivo è il sesso. Ruthven il protagonista, è un uomo estremamente attraente, trasgredisce le regole sociali ma lo fa con la collaborazione delle sue vittime, egli riesce a portare in superficie le tendenze represse. Per la vittima il vampiro sembra onnipotente, irresistibile, ipnotico, elegante, ben vestito, un maestro nell’arte della seduzione, un cinico, una persona esente dai codici socio-morali predominanti che può fornire una liberazione sessuale.

LS: Quali autori ti piacciono di più leggere? C’è un particolare filone letterario che ami?

SB: Non ho una preferenza particolare, quando mi trovo in libreria mi faccio attrarre dalla copertina e dalla descrizione del libro. Devo ammettere di essere un po’ monotematica, oltre alla letteratura di genere noir prediligo i thriller, soprattutto quelli storici: tutto ciò che tratta azione e mistero.

LS: Nella tua analisi tendi sempre a far distinzione tra spettri o figure comunque incorporee che pure nella tradizione succhiavano sangue dai vampiri propriamente detti. Qual è la necessità di questa distinzione? In un certo senso non sono anche loro dei vampiri?

SB: Lo sono in quanto succhiatori di sangue ma le loro caratteristiche sono differenti da quelle che possiedono i vampiri di epoca più moderna. Da bestie brutali e primitive, a uomini eleganti, raffinati e di estrema sensualità che non uccidono solo per pura sopravvivenza o piacere.

LS: Credi che nella letteratura e nella cinematografia d’oggi il vampiro venga ancora utilizzato con successo oppure stia diventando una semplice moda che finisce per disinteressare e/o annoiare il lettore/lo spettatore?

SB: Considerando le vendite di libri e gli incassi cinematografici non mi sembra che l’argomento stia passando di moda anzi credo che si stia nuovamente rivalutando. L’importante e far riscoprire sempre nuovi aspetti.

LS: Il vampirismo e tutta la tradizione folklorica legata a Vlad l’Impalatore sono documentati da molte fonti di tipo archeologico, rituale, letterario. Quando pensiamo al vampirismo siamo però erroneamente portati a pensare che si tratti di qualcosa che appartenga al mondo della finzione. Come richiamavo nella recensione, recenti e raggelanti fatti di cronaca hanno portato alla luce di inquietanti cavamenti di sangue su vittime per fini vari. Siamo di fronte a preoccupanti casi di vampirismo contemporaneo? Quali sono le tue considerazioni a riguardo?

SB: Visto che il vampirismo si è palesato con aspetti differenti in ogni epoca, non trovo strano che si possa riscontrare anche ai giorni nostri. Molti credono di essere, come attualmente vengono definiti, dei “real vampires”, vivono un’esistenza del tutto comune alla nostra se non per alcuni aspetti importanti come quello del bisogno di suggere sangue. Queste però sono persone che non nuocciono alle altre. Per quanto riguarda casi di cronaca  credo semplicemente si tratti di persone mentalmente instabili.

LS: Secondo la tradizione folklorica e l’immaginario pubblico il vampiro è associato a una grande carica erotica. Il vampiro è infatti sensuale, attraente, dallo sguardo magnetico e mesmerizzante. Anche il tema del sangue, del calore, del rosso, dei fluidi corporei, rimanda a un universo erotico. Quanto c’è di sensuale e di sessuale nella figura del vampiro?

SB: A mio giudizio molto. Personalmente sono sempre stata attratta dalla figura del vampiro incantevole e incantatore, il quale seduce le proprie vittime portandole spesso alla morte ma questa non è necessariamente orribile o dolorosa, può rivelarsi voluttuosa e sensuale. L’atto in cui il vampiro prende possesso dell’anima di un essere, il così detto morso, non è solo bisogno ma qualcosa di più profondo e intimo: passione tra carnefice e vittima. Cosa c’è di più intimo dello scambiarsi del sangue, fonte di vita?  Al momento in cui avverà l’unione di tale fluido si avrà l’unione di due “anime”.

LS: Freud nei Tre saggi sulla sessualità  del 1909 parlò di fissazioni e regressioni sottolineando come una fissazione alla fase orale dello sviluppo psicosessuale del soggetto comporti in età adulta degli atteggiamenti legati all’apparato orale: mangiare, mordere, succhiare, fumare, etc. In questo senso l’attività di morsicatura e succhiamento del sangue del vampiro potrebbe essere analizzata, in termini psicoanalitici, come una sorta di fissazione di questa fase di sviluppo psicosessuale o è una forzatura sostenerlo?

SB: Credo sia un argomento da lasciare analizzare a chi ha competenze  nel campo della psicanalisi ma, si, potrebbero esserci dei legami.

LS: La tradizione popolare sa molto bene che per difendersi dai vampiri è necessario tenere con sé dell’aglio o un qualche oggetto religioso. I crocefissi e l’acqua santa funzionano sul vampiro in maniera destabilizzante anche se non sono capaci di ucciderlo. Nel tuo saggio leggiamo che l’animosità del vampiro nei confronti della religione è dovuta dal fatto che il vampiro rappresenta la morte e la morte dopo la morte mentre la religione è in qualche modo un sistema di accettazione dell’idea della vita dopo la morte. Se la religione è intesa come una speranza, come un sostentamento, il vampirismo rappresenta la morte della morte. Al di là di questa spiegazione ideologica abbastanza ricercata c’è però storicamente o folkloricamente qualche riferimento al rapporto tra il vampiro e ad esempio i membri del clero? Ci sono delle letture che potresti consigliarci per indagare questo aspetto del vampirismo?

SB: Molti furono i teologi e religiosi che lasciarono propri documenti e testimonianze sul vampirismo. Tra i più ricordati vi è Dom Augustin Calmet, un religioso francese che cercò di dimostrare l’esistenza di queste mostruose creature. Tra XVII e XVIII secolo la credenza nel vampiro e la paura che ne conseguì portò la società ad un atteggiamento irrazionale: vennero violate un incredibile numero di sepolture, le tombe mostravano cadaveri rosei e sanguinolenti cui imputare epidemie o sventure. Si intensificò l’uso di piantare paletti nel petto dei morti sospetti. E’ qui che intervennero sia le forze di polizia che la Chiesa che vietò le esumazioni non autorizzate. Intervenne persino un Papa per smentire l’esistenza dei vampiri.

LS: Il vampiro rappresenta il mostro cattivo che distrugge e che annienta la vita e che soffre la vista di simboli religiosi, similmente a quanto succede con il Demonio. Il rapporto tra uomo e vampiro, ricalca in un certo senso il rapporto tra Dio-Satana, Bene-Male?

SB: Il rapporto che vi è tra uomo e vampiro dovrebbe essere quello tra vittima e carnefice ma l’uomo in quanto umano ha insito in se sia il bene che il male; il vampiro dovrebbe incarnare solo ciò che è malefico ma può mostrare avvolte anche un barlume di umanità sintomo della sua esistenza precedente. Quindi credo che alla fin fine siano simili.

LS: Ricordo di aver sentito dire o di aver letto che il vampiro può essere ucciso o almeno indebolito scagliandogli oggetti in argento addosso (ancor meglio negli occhi). Non trovo nessun riferimento a questo nel tuo saggio, ergo devo concludere che probabilmente devo sbagliarmi o devo essermi confuso con qualcos’altro. Puoi dirmi se è così o se invece c’è un fondo di verità?

SB: Diversi studi prendono in considerazione anche questa teoria solitamente più diffusa per i Licantropi, ma ho preferito riportare solo ciò che è più specificatamente inerente al vampirismo.

LS: Cosa ne pensi della recente saga di Twilight di Sthephie Meyer, trasposta anche in film? La conosci?

SB: Credo che negli ultimi anni stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione della figura del vampiro, in particolare appunto, con l’uscita nelle librerie di Twilight che ha dato il via a tutta una serie di cambiamenti cinematografici. Qui i vampiri non temono più la luce del sole, sono creature buone che rinnegano la loro natura malvagia, non si nutrono di sangue umano, non temono i simboli sacri. La differenza con i non-morti della tradizione, descritti dalle penne di Polidori e Bram Stoker, è più che evidente. I tempi cambiano e con essi le aspettative del pubblico moderno. A me continua a rimanere nel cuore la trasposizione che ne da F.F. Coppola ma devo dire che anche questa saga è interessante.

LS: Hai altri progetti in cantiere? Hai in mente di approfondire questa tua ricerca, già molto ben curata e tematicamente circoscritta, o piuttosto di dedicarti ad altre tematiche? Quali?

SB: Al momento ho in cantiere un altro saggio….follie e superstizioni…..

Ringrazio Serena Bono per avermi concesso questa intervista.

Lorenzo Spurio

 4 Agosto 2011

E’ SEVERAMENTE VIETATA LA RIPRODUZIONE DI STRALCI O DELL’INTERA INTERVISTA SENZA IL PERMESSO DELL’AUTORE.