La Semana Santa 1/4: alcune caratteristiche

In vista delle imminenti celebrazioni per la Pasqua, sono a pubblicare serialmente alcuni testi circa i festeggiamenti per la Settimana Santa (Semana Santa) in territorio spagnolo.

1. La Semana Santa: alcune caratteristiche

Ogni anno in Spagna si celebra la Semana Santa, ossia la settimana che culmina con la domenica di Pasqua nella quale si festeggia il Cristo Risorto. Tutto il mondo cattolico festeggia la Pasqua e la settimana Santa ma con modi e forme diverse. In Spagna la celebrazione della settimana Santa è particolarmente sentita tanto da rappresentare uno degli aspetti folklorici-culturali principali della sua cultura.

Le celebrazioni, i cortei di carri con scene religiose (pasos), la banda musicale e la processione dei membri di una confraternita (cofradía) sono i caratteri che contraddistinguono la celebrazione della Semana Santa in Spagna. Sebbene tutta la Spagna celebri la Semana Santa (sia nelle città più piccole che nelle città capoluogo di provincia) si ritiene che le migliori celebrazioni della Semana Santa siano quelle dell’Andalusia, regione meridionale della Spagna. In maniera particolare le città di Cordoba, Granada e Jaén hanno delle celebrazioni particolarmente colorate, partecipate e caratteristiche. La più grande celebrazione della Semana Santa, dove affluisce il maggior numero di penitentes, di pubblico e di turisti è quella di Siviglia. La confraternita sivigliana più numerosa è quella de La Macarena, fondata nel 1595. Nel 2009 contava 10.200 penitenti al suo interno.

Ogni confraternita ha una sua storia, un suo statuto che ne regola i fondamenti, un hermano mayor ossia il membro più anziano e i penitentes o nazarenos ossia i membri della confraternita. Ciascuna confraternita si caratterizza per una sua uniforme caratteristica che si differenzia dalle altre per colore, tessuto, presenza di segni o croci, tipo di cordone, di calzature etc.

Ciascuna confraternita ha un suo motto e un suo stemma ma, la cosa più importante, dispone di carri con sculture sacre (la Madonna, Cristo crocefisso, la Madonna ai piedi della croce, etc) che vengono impiegate durante le celebrazioni. Le immagini sacre (pasos o tronos) vengono collocate in ampi carri dorati e sormontati da fiori e condotti direttamente a spalla da altrettanti membri della confraternita. Alcune confraternite hanno due pasos, altre uno solo.

Nella Semana Santa a ciascuna confraternita è stabilita la sua processione in un determinato giorno della Semana Santa. La confraternita de La Macarena ad esempio sfila il Venerdì Santo e ha ciascuna confraternita è affidato un proprio percorso, un tragitto che passa per varie vie della città (chicotá o itinerario).

Solitamente ciascun percorso effettuato dalle varie processioni passa dinanzi alla cattedrale. Al termine del tragitto la processione si dirige verso la chiesa da cui era partita, dalla parrocchia attorno alla quale si identifica la confraternita (ad esempio per la confraternita de La Macarena di Siviglia è la Basilica de la Macarena). I pasos vengono riportati in chiesa attraverso la porta più grande mentre la gente saluta le immagine sacre urlando di gioia, cantando motivi sacri o tirando fiori verso di esse.

Celebrazioni analoghe a queste che vengono effettuate in Spagna vengono fatte in alcuni comuni italiani tra cui Taranto ed Enna. Anche in questi casi si parla di confraternite, processioni e penitenti con un saio e con il volto coperto.

Le città dell’Andalusia sono quelle storicamente e culturalemente più attaccate alle celebrazioni dells Semana Santa.

E’ SEVERAMENTE VIETATA LA RIPRODUZIONE E LA DIFFUSIONE DI QUESTO TESTO SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTORE

LA FOTO E’ DI MIA PROPRIETA’

La poesia… nella sua real bellezza / Primavera (Dittico poetico di Monica Fantaci ed Emanuele Marcuccio)

La poesia… nella sua real bellezza

DI Monica Fantaci

Si schiude la verità

nel suo principio,

rinascita,

desìo,

incanti visti,

brillanti sfiorati,

vocalizzi di coristi,

di natura imbrattati,

canzoni dei musicanti

offerti dal creato,

allegri e andanti

nel sorriso soffiato,

si accresce,

si aggiorna,

fuoriesce,

ritorna

l’euforia,

la gaiezza,

la poesia

nella sua real bellezza.

© Monica Fantaci

 

 

Primavera

 DI Emanuele Marcuccio 

Olezzo di primavera,

fresca, aurata:

ascolto lo stormir di foglie

e il gentil chiacchiericcio

di uccelli festanti.

Canta la primavera,

nel pianto d’un bimbo

c’è la vita

e la silenziosa calma.

Canta la primavera

su per le fronde

e per gli arbusti accesi;

per i ponti e per le valli

s’innesta un ardore infinito,

ricco di luminosa calma.

 (5/10/1999)

© Emanuele Marcuccio

(Emanuele Marcuccio, Per una strada, p. 86, SBC Edizioni, 2009, pp. 100)

(Entrambe le poesie sono protette dai diritti d’autore. Pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dei rispettivi Autori.

La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dei rispettivi Autori è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge).

GLI AUTORI HANNO ESPRESSAMENTE CONCESSO LA PUBBLICAZIONE DELLE LORO DUE POESIE SU QUESTO SPAZIO INTERNET.