“Iridescenze dal profondo blu”, mostra d’arte di Alberto Anello

Iridescenze dal profondo blu

Mostra dell’artista palermitano, Alberto Anello

a cura di Eleonora Saitta


Sabato 01.12.2012, ore 17:00

Luogo della mostra: PALERMO – Palazzo Sant’Elia  (Via Maqueda) 

Basate sulla bellezza multiforme e sfaccettata della natura, le installazioni di Alberto Anello affrontano una rilettura del mito della creazione assemblando conchiglie, vetri, pietre preziose, partendo dall’osservazione del mondo animale e vegetale.

Le opere, interamente rivestite di frammenti iridescenti, sono quindi in grado di riflettere la luce in ogni direzione possibile, piccoli cristalli che si moltiplicano a seconda delle particolari condizioni luminose.

Attraverso i sogni ed i desideri nascosti che ci appartengono, l’artista, ci guida alla scoperta della nostra immaginazione e fantasia.

Alberto Anello ci invita a vivere avventure fantastiche attraverso un movimento incantato di suoni e riflessi specchiati che ci conducono nelle profondità abissali per cercare protezione e stimoli che esaltino la nostra sensibilità.

Un acquario incantato, popolato da creature magiche ed emozioni dell’artista, una fantasia misteriosa che trasforma la realtà per farci cogliere i segreti custoditi nel profondo “io” di ognuno di noi.

Alberto Anello nasce a Palermo, città in cui ha sempre vissuto, nel 1944. Da 40 anni svolge l’attività di Libero Professionista presso il suo studio di via Petrarca ed è, da sempre, cultore ed amante del bello e dell’arte in tutte le sue espressioni quali musica, poesia, pittura, scultura. Mosso da una spiccata sensibilità verso i giovani, costituisce nel 2004 l’Associazione Culturale “Caterina Lipari – valori e colori di Sicilia”, di cui è Presidente, con lo scopo primario di valorizzare e sostenere i giovani artisti presenti sul territorio siciliano. Con la medesima spinta emotiva investe le risorse dell’Associazione nell’acquisto di opere di artisti siciliani dando forma ad una piccola collezione. Fonda, pertanto, il “Romantic Museum” che, nel corso del tempo arricchirà anche di opere di artisti emergenti oltre i confini nazionali, dedicando anche un piccolo spazio a collezioni di modesto valore ma di grande attrazione, come segnalibri, temperamatite, titoli azionari e fossili di Sicilia. Si accosta all’arte da autodidatta ed inizialmente estrinseca le proprie emozioni con la realizzazione di installazioni, racchiuse in piccole teche, ispirate a temi sociali contemporanei, negli ultimi anni, spinto dal bisogno di astrarsi dalla realtà che lo circonda, crea sculture immaginarie che lo stesso artista definisce “incantate”.

“Giravolta colorata”, poesia di Monica Fantaci

Giravolta colorata

DI MONICA FANTACI

Sull’ombra di un fiore
c’è qualche colore,
gioco di luci
in un chiaro-scuro
che disegna a matita
quel che si riflette dalla vita,
il colore si sparge…
anzi… si vuol spargere
nel bianco muro.
Allora trabocca
spinto dal suo movimento
che striscia sul pavimento,
colora il suo stesso cammino.
Chiari-scuri in riflessione
all’ombra di un giardino
che ancora…una volta..
danno spazio alla loro giravolta
per lasciarsi afferrare
dai colori di una fioritura raccolta.

Monica Fantaci

QUESTA POESIA VIENE QUI PUBBLICATA PER GENTILE CONCESSIONE DELL’AUTRICE.