Lo zafferano: coltivazione, usi e cucina. Reading poetico “in giallo” a Jesi il 4 novembre

2sapori tra le righe_4 novembre 2018-page-001.jpg

Domenica 4 novembre alle ore 17:30 nell’affascinante Chiesa di San Bernardo a Jesi (ingresso: Via Valle n°3) si terrà un incontro interamente dedicato a scoprire, approfondire e meglio conoscere un componente importante della nostra alimentazione, ovvero lo zafferano. L’iniziativa, ideata e curata dall’Associazione Culturale Euterpe di Jesi, si iscrive all’interno del progetto “Sapori tra le righe”, sostenuto dal Comune di Jesi che nel 2017 ha visto la realizzazione di due serate tematiche analoghe rispettivamente sull’olio e il miele che hanno raccolto ampio consenso di pubblico.

L’iniziativa, patrocinata dall’Assemblea Legislativa della Regione Marche e dalla Provincia di Ancona si articolerà secondo il seguente programma. L’apertura sarà a cura di Gioia Casale (scrittrice) e Michela Tombi (poetessa), entrambe Consigliere dell’Ass. Euterpe, che proporranno una selezionata scelta di estratti poetici e narrativi di autori classici in cui il tema del giallo risulta prevalente.

La storia dello zafferano, i suoi usi e le forme di coltivazione, si perdono, come ciascun vegetale e spezia, nella notte dei tempi anche se esistono testi, non di carattere letterario, che ce ne parlano e che, forse, possono facilitare una contestualizzazione delle aree di utilizzo e coltivazione. Difatti già nel 2300 a.C. esso si utilizzava e alcuni ne sottolineavano con enfasi le proprietà curative. Secondo il mito lo zafferano avrebbe avuto origine dall’unione sessuale tra la ninfa Smilace e un giovane avvenente noto come Krocos. Appare nei maggiori testi della nostra tradizione, dalla Bibbia al Cantico dei Cantici, sino agli scritti di Omero, Ovidio e Virgilio. La coltivazione dello zafferano si è iniziata in contesto orientale, nell’Asia, sino a che non è stata esportata anche in ambito europeo e soprattutto mediterraneo.

Durante l’evento si passerà poi all’intervento principe della serata, quello condotto da Sabrina Cesaretti, Dottoressa in Scienze Naturali, dal titolo “Lo zafferano: ecologia, utilizzo e proprietà dell’oro rosso”. La Cesaretti si è laureata in Scienze Naturali con una specializzazione in Botanica ed Ecologia presso l’Università di Camerino; dopo il dottorato ha deciso di dedicarsi alla coltivazione delle piante officinali e dello zafferano. Tornando a casa ad Avacelli (Arcevia), tra il castello e la piccola azienda di famiglia, ha messo in piedi in pochi anni un laboratorio a norma dove continua, senza sosta, a sperimentare ed innovare la tradizione. Ella ha saputo guardare lontano, unendo tutto questo al turismo, come guida naturalistica propone insieme ad uno storico dell’arte, Per erbe e per castelli, dei percorsi storico-naturalistici alla scoperta del territorio.

Si proseguirà con un reading poetico inerente alle tematiche dello “zafferano”, del “giallo”, dei “fiori” con i poeti Elvio Angeletti (Senigallia), Flavia Scebba (Foligno), Marinella Cimarelli (Jesi), Ida Palombo (Pesaro) e Antonio Cerquarelli (Sassoferrato).

Ad impreziosire l’evento saranno gli intermezzi musicali ad opera di Filippo Lombardelli e, a conclusione dell’iniziativa, l’Associazione Euterpe offrirà un brindisi di chiusura a quanti avranno partecipato all’evento.

 

Info:

www.associazioneeuterpe.com

ass.culturale.euterpe@gmail.com

Tel. 327 5914963

Annunci

Nuovo appuntamento con l’Angelico Certame sabato a Torino. Conduzione di Max Ponte

Sabato 20 ottobre 2018 alle ore 17.30
L’ANGELICO CERTAME a TORINO / VIII
Container, Via del Carmine 11, Torino

Conduce Max Ponte. Con 6 poeti in gara

44140297_10216865830737479_1248758580216070144_n.jpg
Riparte L’ANGELICO CERTAME dopo l’ultima data del Salone Off di Torino.
L’ANGELICO CERTAME è una gara poetica perfomativa ideata e condotta da Max Ponte. Si tratta di un vero spettacolo, ad ingresso libero, basato sull’arte della parola. L’iniziativa è arrivata al suo ottavo appuntamento e prevede un campionato nazionale biennale e un premio finale in denaro per il primo classificato di 500 euro.

immagine (3).jpg

L’ANGELICO CERTAME, che sarà aperto da un open mic, si svolgerà come segue:
– 3 prove che dovranno affrontare tutti i poeti in gara: una prova di improvvisazione, una performativa e una teatrale. Nella prima prova i poeti dovranno creare una poesia in 10/15 minuti in base ad un tema sorteggiato. Nella seconda potranno performare un loro lavoro a piacere. Nella terza fase dovranno usare oggetti di scena o maschere o costumi per rappresentare il loro lavoro.
– una giuria mista (con due membri tecnici e due sorteggiati dal pubblico).
– 2 minuti di tempo massimo per ogni intervento
– tutte le poesie devon esser proprie, dalla produzione personale del poeta certante

L’ANGELICO CERTAME nasce per dare una ulteriore possibilità d’espressione alla poesia orale e performativa italiana, valorizzando il lavoro dei poeti partecipanti, moltiplicando le possibilità creative in un nuovo format che vuole dare slancio ed eleganza allo spettacolo poetico.

Saranno presenti alla lettura libera introduttiva:
Domenico Cavallo
Chiara Pent
Antonino Natale

I Poeti certanti saranno:
Donatella Lessio
Stefano Bandera
Ermanno Emme
Giuseppe Mastarone
Massimo Brioschi
Luca Rubin

Giudici tecnici: Aldo Berti e Chiara Pent

 

 

Presentazione:

Danilo Torrito.jpg“L’ANGELICO CERTAME è una gara poetica ideata e progettata dal poeta Max Ponte, presentata per la prima volta al pubblico il 9 settembre 2016 a Torino. L’ANGELICO CERTAME si configura come una gara poetica antica e allo stesso tempo vicina alla contemporaneità. Il nome riprende il volgare “certame” dal latino “certamen”, sostantivo neutro che significa appunto “gara” o “lotta” derivato dal verbo “certare”. Il termine “certamen” designa oggi gare in latino. Si è preferito il termine “certame” per marcare una distinzione e favorire la riscoperta di una parola quasi dimenticata. L’ANGELICO CERTAME vuole inserirsi nel solco della tradizione letteraria italiana e ridare prestigio alle competizioni poetiche. La gara permette inoltre di valorizzare a pieno le capacità di tutti i poeti CERTANTI, di tutte le età e di tutte le “appartenenze” letterarie. Qualcuno si chiederà perché l’aggettivo “angelico”. Ogni poeta è un messaggero, quindi è portatore di un messaggio ed è un “angelo” nel senso etimologico del termine. Inoltre l’ideatore di questo gioco, lavorando ad un romanzo che ha come protagonista una creatura a suo modo angelica, è stato colto da una spontanea associazione di idee. L’ANGELICO CERTAME nasce per dare un’opportunità in più di gioco, di confronto e di crescita ai poeti; e per offrire al pubblico uno spettacolo di alto livello in cui la poesia si avvicina alla sua dimensione “totale”. L’angelo ha la capacità di portare le parole lontano e di stabilire “analogie senza fili”. L’esigenza di una maggiore libertà e una maggiore qualità nelle gare poetiche è alla base della nascita de L’ANGELICO CERTAME. L’ANGELICO CERTAME, a differenza di altri tipi di competizioni poetiche, garantisce una maggiore attenzione al poeta e alla valutazione del suo lavoro, lasciando al contempo grande libertà espressiva. Inoltre i partecipanti prenderanno parte a tutte le prove diventando veri protagonisti di questa manifestazione dall’inizio alla fine. ”

Max Ponte, Presentazione de L’Angelico Certame

dal sito ufficiale  www.angelicocertame.org 

La classifica parziale al 17 ottobre 2018: vede in testa Danilo Torrito con 2 gare vinte (99,2+100), Chiara De Cillis 1 gara (112), Nanà 1 gara (104,5), Donatella Lessio (100,3), Valeria Bianchi Mian (100), Bruno Giovetti (98,8), Roskaccio (93).  
Per info e candidature alle prossime puntate: angelicocertame@gmail.com
Per organizzazione Enrica Merlo / Angelico Certame
Grazie a Container Torino di Antonietta Altamore.

L’ingresso per il pubblico è libero, gradita l’offerta per sostenere l’iniziativa all’uscita.

Il 14 settembre in Campidoglio il 4° Premio Italia Donna presieduto da Serena Maffia

Torna l’appuntamento con uno dei premi più attesi e significativi del mondo femminile. Anche quest’anno le donne premiano le donne che si sono distinte per il loro impegno nell’arte e nel lavoro. Venerdì 14 settembre 2018 alle ore 17 nella Sala Protomoteca in Campidoglio, a Roma, la cerimonia della quarta edizione del Premio Italia Donna, ideato e presieduto da Serena Maffia. Intervengono: Francesca Agostino, giornalista; Neria De Giovanni, critica letteraria; Iole Chessa Olivares, poetessa; Silvia d’Oro, scrittrice; Cristiana Lardo, docente di letteratura italiana all’Università Tor Vergata; Letizia Leone, poetessa e critica letteraria; Serena Maffia, scrittrice, regista e artista; Anna Manna, poetessa; Michela Zanarella, poetessa e critica letteraria Vicepresidente del Premio. Incontro con la fotografa Manuela Neri e le artiste Marina Santaniello, Daniela Troina. Intervengono inoltre: la poetessa Fabia Baldi, la poetessa Silvia Bove, la poetessa Fiorella Cappelli, la poetessa Flaminia Cruciani, la narratrice Marina Di Domenico, l’autrice Francesca Di Ruscio, la poetessa Angela Donatelli, la giornalista e autrice Silvia Guidi, la poetessa Jolanda La Carrubba, la poetessa Chiara Mutti, la poetessa Laura Corraducci di Pesaro, l’autrice Anita Napolitano, la poetessa Francesca Farina, la poetessa Luciana Raggi, la poetessa Antonella Rizzo, l’artista e poetessa Eugenia Serafini, la studiosa e critica letteraria Bianca Sorrentino. Le premiate di questa edizione: Linda D per la musica, Laura De Luca per il giornalismo, Arcangela Galluzzo per politica e legalità, Marisa Giuffrè per la narrativa, Nadia Kibout per il cinema, Claudia Melica per la ricerca antropologico filosofica. Michela Zanarella presenterà in anteprima il nuovo romanzo per ragazzi di Serena Maffia ‘I figli di Asac’ edito da Historica Edizioni, in libreria da settembre. Le letture saranno a cura dell’attrice Lucia Ceracchi e del grande attore Corrado Solari. L’evento è organizzato e sostenuto dal Centro Poesia Roma, dal CAS Centro Arte e Spettacolo, da e con il patrocinio della Presidenza dell’Assemblea Capitolina.

premio italia donna 2018 centro poesia roma.jpg

I versi impregnati di vino di Flavia Scebba domenica 9 sett. al Museo Federico II di Jesi

Domenica 9 settembre  alle ore 17 presso il Museo “Federico II – Stupor Mundi” di Jesi (AN) si terrà la presentazione del libro di poesie “Di… vino verso” della poetessa Flavia Scebba. L’iniziativa culturale è organizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Euterpe di Jesi, di cui l’autrice è socia e con la casa editrice I luoghi interiori. 

 

Chi è l’autrice?

Flavia Scebba è nata a Fabriano (An) da genitori di origine siciliana. Ha frequentato le scuole superiori a Jesi, dove si è appassionata alla figura dell’Imperatore Federico II, alla poesia e al territorio marchigiano, ricco di risorse culturali e naturali. Dai suggestivi paesaggi della Vallesina, le colline dorate del buon vino, si è poi trasferita nel cuore dell’Umbria e a Montefalco ha ritrovato le impronte dello stupor mundi. Fra i filari di viti e i calici di Sagrantino è nato il suo volume poetico “Di…Vino verso”, opera in cui l’autrice canta le stagioni, brindando a ogni regione d’Italia con versi lieti e coinvolgenti, e da dove emerge l’attaccamento per le sue radici mediterranee.

 

Per informazioni

Tel. 0731-084470

loc.jesi def

Al via alla XXVI edizione del “Positano 2018, Mare sole e cultura”

Positano 2018

Mare, Sole e Cultura

XXVI EDIZIONE

IRONIA

LA DANZA DELLA PAROLA

SERATA INAUGURALE 

con

PINUCCIO, FRANCESCO SOLE,

ALDO GRASSO, GIULIO GIORELLO

A Positano 

dal 23 Giugno al 13 Luglio 2018 

 

L’ironia è una sorta di arma di costruzione di massa. Non c’è fortezza che essa non possa smantellare, infiltrandosi con le sue domande impertinenti. Non si accontenta, però, di radere al suolo, sa anche costruire castelli, a patto che si sia consapevoli che si tratta di autentici castelli in aria.

L’“Ironia. La danza della parola” è il tema intorno al quale prenderanno forma gli incontri della XXVI edizione della rassegna letteraria Positano 2018 Mare, Sole e Cultura.  La rassegna, presieduta da Aldo Grasso e inclusa tra “Le Città del Libro”, il progetto promosso dal Centro per il Libro e la Lettura, dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura e dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), torna a Positano dal 23 giugno al 13 Luglio 2018

 

L’ironia non è solo un modo di parlare ma anche di vivere. – scrive Giulio GiorelloCi permette di sfuggire con un sorriso alle prevaricazioni di dogmatici e intolleranti; ma soprattutto ci ricorda che non dobbiamo rinchiuderci da soli nelle prigioni dei nostri dogmatismi e delle nostre intolleranze. Solo così l’ironia può diventare una pratica di liberazione: la danza della parola che, con leggerezza, gioca con i significati del linguaggio, delle emozioni, delle stesse istituzioni del mondo che conosciamo. Ci insegna a servircene per la gioia dell’intelletto, ma rifiuta di diventarne schiava. Qualche volta è uno sforzo che può costare caro, come hanno provato sulla loro pelle figure come Socrate o Giordano Bruno, il cui sacrificio ha però aperto orizzonti nuovi”.

 

A tagliare il nastro della XXVI edizione, sabato 23 Giugno (ore 21.00 – Palazzo Murat) Pinuccio, autore di TRUMPADVISOR (Mondadori) e Francesco Sole, autore di #TI AMO (Mondadori) che  insieme a Aldo Grasso, Presidente della Rassegna Letteraria Positano Mare Sole Cultura, e Giulio Giorello daranno vita ad una riflessione su “Le parole ai tempi dei social”.

Com’è cambiato il linguaggio nell’era dei social network? Ma soprattutto com’è cambiato il modo di raccontarsi? Dalla poesia alla satira, passando per Youtube, una serata dedicata alle moderne forme di narrazione e di sperimentazione attraverso il web.

 

Mercoledì 27 Giugno (ore 21.00 – Terrazza Hotel Le Agavi) Alessandro Barbano autore di TROPPI DIRITTI (Mondadori), insieme a Valerio Caprara e Biagio De Giovanni indagherà “Le parole della crisi italiana”. È un’ipertrofia dei diritti ciò che spiega il declino italiano, e ciò che si definisce «dirittismo», è una malattia che esibisce un sintomo ormai sotto gli occhi di tutti: la crisi della delega, ossia la rinuncia a qualsiasi mediazione tra gli interessi di uno o di pochi e quelli di tutto il corpo sociale.

 

Giovedì 5 Luglio (ore 21.00 – Terrazza Marincanto) due voci uniche, che cresceranno fino a trasformarsi in poesia, si confronteranno su “Le parole della narrazione”. Valentina Farinaccio autrice de LE POCHE COSE CERTE (Mondadori) Nora Venturini autrice de LUPO MANGIA CANE (Mondadori) daranno forma ad una serata dedicata agli interrogativi dell’esistenza. Con la partecipazione straordinaria di Giulio Scarpati.

 

Martedì 10 Luglio (ore 21.00 – Blu Bar) Antonella Cilento autrice di MORFISA O L’ACQUA CHE DORME (Mondadori) Cinzia Tani autrice di FIGLI DEL SEGRETO (Mondadori), e Antonio Monda, autore di IO SONO IL FUOCO (Mondadori), tra colpi di scena, intrighi e racconti che si ispirano alla storia e che la tradiscono, si avventureranno tra “Le parole della storia”,  in una serata dedicata all’inesauribile capacità umana di inventare trame e personaggi.

 

Venerdì 13 Luglio (ore 21.00 -Covo dei Saraceni) Gennaro Sangiuliano  vice direttore TG1 autore di TRUMP (Mondadori) insieme a Giuseppe Malara, Rino Sica e Armando Siri  analizzerà le parole e ombre della politica internazionale.

Chi è davvero Donald Trump? Lo sprovveduto gaffeur poco avvezzo alle regole della politica o l’eccentrico miliardario che, nell’epoca della post-verità, dice finalmente le cose come stanno? Una serata dedicata alle contraddizioni dell’America di oggi – sospesa tra neoisolazionismo, rigurgiti razzisti e lotta globale al terrorismo – ma anche alla grave crisi di sovranità in cui sembrano precipitate le nostre democrazie.

unnamed.jpg

 

Info

  1. 336 6421650

www.maresolecultura.it

positanomaresolecultura@gmail.com

 

 

A Villa la Pietra (Firenze) domani incontro con Andrea Inglese, Catherine Barnett e Andrea Bajani

Immagine.jpg

THE WRITERS’ SEASON – LA STAGIONE DEGLI SCRITTORI

 

Limonaia, Villa La Pietra – FIRENZE

Giovedì 14 giugno ore 18.30

CONVERSATIONS AND READINGS

Poets – Catherine Barnett and Andrea Inglese

Fiction Writers – Alexander Chee and Andrea Bajani

Moderated by Elisa Biagini (In Italian and in English)

 

The Writers’ Season – La stagione degli scrittori torna a Villa La Pietra domani, giovedì 14 giugno, alle 18.30, con Catherine Barnett, Andrea IngleseAlexander Chee e Andrea Bajani. L’incontro, in italiano e in inglese, è moderatoda Elisa Biagini, scrittrice e docente presso NYU Florence, e si inserisce all’interno di The Season, la rassegna estiva organizzata dalla New York University a Firenze.

catherine-barnett-600x0-c-default.jpg
Catherine Barnett

Catherine Barnett ha studiato alla Princeton University e insegna alla New York University. È autrice di tre raccolte poetiche: Human Hours (in uscita per l’autunno), The Game of Boxes (2012, premio James Laughlin della Academy of American Poets) e Into Perfect Spheres Such Holes Are Pierced (2004). Ha ricevuto altri importanti riconoscimenti come il Whiting Award e la Guggenheim Fellowship. Ha anche collaborato col compositore Richard Einhorn per The Origin, oratorio multimediale sulla vita di Darwin. 

Andrea Inglese.jpg
Andrea Inglese

Andrea Inglese poeta, narratore, traduttore, saggista, è molto attivo anche in rete (Nazione Indianaalfabeta2). Tra i testi in prosa ricordiamo Prati / Pelouses (2007) e il romanzo Parigi è un desiderio (2016, Premio Bridge 2017). È autore di sette libri di poesia, tra cui Prove d’inconsistenza (in VI Quaderno Italiano, 1998), Commiato da Andromeda (2011), La grande anitra (2013) e Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupat (2013). Del 2017 è Un’autoantologia. Poesie e prose 1998-2016.

Alexander Chee ”half Korean, all queer“ (così si presenta on line), è narratore e saggista. Insegna scrittura al Dartmouth College e collabora con numerose riviste. È autore di due romanzi: Edinburgh (2001), romanzo di formazione che rielabora sapientemente esperienze autobiografiche, e The Queen of the Night (2016), ambientato nella Parigi del XIX secolo e ancora tutto giocato sul tema dell’identità. Nel 2003 ha ricevuto il Whiting Award. Del 2018 è la raccolta di saggi How to Write an Autobiographical Novel.

andrea-bajani-982x540.jpg
Andrea Bajani

Andrea Bajani (1975) è autore di romanzi e racconti, reportage, testi drammatici e traduzioni, oltre che pubblicista e consulente editoriale. Tra i numerosi romanzi ricordiamo Cordiali saluti (2005), Se consideri le colpe (2007, premio Super Mondello), Ogni promessa (2010, Premio Bagutta), La vita non è in ordine alfabetico (2014) e Un bene al mondo (2016). Del 2007 è il reportage Mi spezzo ma non m’impiego seguito nel 2008 da Domani niente scuola. Del 2017 è la prima raccolta poetica: Promemoria.  

  

L’ultimo appuntamento di The Writers’ Season sarà con Kimiko Hahn (18 giugno, ore 18.30, Limonaia Villa La Pietra).

The Season, inaugurata nelle scorse settimane con la mostra Inside Out: Camera Obscura Views of Villas and their Environs. The photography of Abelardo Morell (visitabile suappuntamento fino al 14 settembre), proseguirà sino al 3 di luglio con tantissimi appuntamenti, tutti a ingresso gratuito, ma con prenotazione obbligatoria per email alapietra.reply@nyu.edu o telefonando allo 055 5007210.

  

The Season

I prossimi appuntamenti

 15 giugno, ore 21.00 (Limonaia)

WORD(S), IMAGE(S), INTUITION

Presentation and discussion of Whistle Down the Wind, a Visual Album of Joan Baez. With Rick Litvin, Producer and Deborah Willis, Director of Civil War. With live performances by Choreographer and Dancer Djassi Johnson

 

18 giugno, ore 18.30 (Limonaia)

THE WRITERS’ SEASON – LA STAGIONE DEGLI SCRITTORI

CONVERSATION AND READINGS Poet – Kimiko Hahn, with Elisa Biagini

 

19 giugno, ore 18.00 (Sala da Ballo)

MASTERPIECES A book presentation by Dianne Dwyer Modestini

 

22 giugno, ore 20.00 (Limonaia)

ROMEO AND JULIET Performed by the Continuum Company

 

26 giugno, ore 20.30 (Limonaia)

SAINT MARY AND THE SPIDER A solo-cello concert and art installation by Kate Moore

 

28 giugno, ore 21.00 (Continuum Theater)

SOME TROJAN WOMEN

A staged reading of a re-worked Odyssey

 

2 luglio, ore 19.00 (Limonaia)

MESSAGE TO THE MESSENGERS: GIL SCOTT-HERON

Screening and concert

 

3 luglio, ore 21.00 (Teatrino)

SCAPIN, BY MOLIÈRE Performed by the NYU Commedia dell’Arte students

 

The Season è la celebrazione estiva di collaborazioni creative tra artisti, scrittori, musicisti, ed intellettuali che trovano a Villa La Pietra il tempo e lo spazio necessari per perfezionare le proprie creazioni, collaborare con altre discipline, creare nuove opere o reinterpretare i classici. Il risultato del loro lavoro viene presentato ad una “prima” ad un pubblico eterogeneo nello scenario suggestivo dei giardini di questa Villa del XV secolo.

New York University è una delle più grandi università private degli Stati Uniti con più di 40,000 studenti che frequentano 18 facoltà e colleges in cinque principali sedi a Manhattan ed all’estero in Africa, Asia, Europa, Australia e Sud America. Dal 1994 NYU è La Pietra, Firenze. L’Università si è impegnata a ricreare e conservare la cultura e lo spirito cosmopolita del luogo che una volta apparteneva agli Acton. Il sito di Firenze è divenuto in pochi anni uno dei programmi più grandi presenti a Firenze con 300 studenti iscritti ai corsi ogni semestre. Oltre ad una consistente offerta di studi umanistici in storia dell’arte, storia, cinema e letteratura, NYU a Firenze vanta un curriculum specialistico in studi sociali, politiche pubbliche e giurisprudenza e offre un programma co-curricolare di grande prestigio che comprende La Pietra Dialogues. I Dialogues convergono a Firenze studiosi, legislatori, avvocati, leader mondiali, intellettuali e artisti le cui idee e il cui lavoro hanno reso un contributo significativo alla società globale culturalmente o intellettualmente a rinnovare lo spirito umanistico per il quale Firenze è nota in tutto il mondo.

 

 Info:

NYU Florence

Villa La Pietra – Via Bolognese 120, Firenze

Tel. +39 055 5007210 – lapietra.reply@nyu.edu

 

Ufficio Stampa

Davis & Co. Lea Codognato e Caterina Briganti

Tel. +39 055 2347273 – info@davisandco.it

Sabato 16 giugno a Pasturo la premiazione del 2°Premio “Per troppa vita che ho nel sangue” presieduto da Caterina Silvia Fiore

Sabato 16 giugno alle ore 16 presso il Teatro di Pasturo (LC) si terrà la cerimonia di premiazione del 2° Premio “Per troppa vita che ho nel sangue” dedicato alla nota poetessa lombarda Antonia Pozzi. Il Premio è ideato, fondato e presieduto dalla poetessa Caterina Silvia Fiore e vede nella Commissione di Giuria poeti, critici ed esponenti del panorama culturale nazionale: la scrittrice Lorena Marcelli (di Roseto degli Abruzzi – TE), il poeta e critico letterario Lorenzo Spurio (di Jesi – AN), la poetessa Mirella Musicco (di Bitetto – BA) e lo scrittore Giovanni Gentile (di Nettuno – RM). 

Nell’occasione degli ottanta anni dalla morte della poetessa Antonia Pozzi e con i patrocini morali dei Comuni di Pasturo (LC) e Roseto degli Abruzzi (TE) e la collaborazione esterna delle Associazioni Culturali “ElleEmme” di Roseto degli Abruzzi (TE) presieduta da Lorena Marcelli, “Euterpe” di Jesi (AN) presieduta da Lorenzo Spurio e Verbumlandi-art di Galatone (LE) presieduta da Regina Resta, l’attesa cerimonia di premiazione avrà luogo nel piccolo centro della Valsassina, a pochi passi dal luogo in cui la poetessa visse, nel comune di Pasturo.

Nell’occasione la Casa-Museo “Antonia Pozzi” (Via Alessandro Manzoni n°1) rimarrà aperta sino alle ore 18.

Durante la serata verranno conferiti i premi da podio, i premi speciali e le menzioni d’onore che la Giuria ha inteso affidare alle opere meritorie partecipanti per le sezioni poesia, video-poesia e racconto breve. Tra i premi speciali saranno conferiti la Rosa d’Argento da parte del Comune di Roseto degli Abruzzi, la Targa Speciale “Euterpe” da parte dall’omonima associazione di Jesi e il Premio Speciale Verbumlandi-art da parte dell’omonima associazione di Galatone.

Ospiti della serata saranno la dr.ssa Graziella Bernabò (storiografa) e Suor Onorina Dino. 

Le musiche saranno a cura del Maestro Kingsley Elliot Key.

Voci recitanti: Ketty Capra e Francesco Ingrosso

34386186_1721712517910617_4342373774918680576_n

 

Alcuni scatti della cerimonia di premiazione dello scorso anno svoltasi ad Arese (MI)

 

19105870_1362499283799747_1796694443784429242_n
Il Premio alla Carriera conferito al poeta bosniaco Emir Sokolovic. Nella foto assieme alla poetessa Caterina Silvia Fiore, al Sindaco di Arese e ad alcuni organizzatori dell’evento.
18838853_10209261988650988_1119588308899941105_n.jpg
Alcuni dei premiati nella foto finale di rito
31655625_1688787457869790_1362148431249801216_n.jpg
Da sx: il giurato Lorenzo Spurio e la poetessa Caterina Silvia Fiore, ideatrice e presidente del Premio “Antonia Pozzi – Per troppa vita che ho nel sangue”.
35043476_1728072857274583_3944539372426100736_n.jpg
Da sx: la poetessa Caterina Silvia Fiore, ideatrice e presidente del Premio “Antonia Pozzi – Per troppa vita che ho nel sangue” insieme alla poetessa Mirella Musicco (membro di giuria)