Archivio dell'autore: Blog di Letteratura e Cultura

Reading Poetico Musicale Artistico – Modugno -BARI

Originally posted on BLOG DI CRONACA:



Reading Poetico Musicale Artistico

Chiesa Santa Maria del Suffragio
detta del Purgatorio
Piazzale del Sedile
Modugno 
BARI


Da un idea di Stefania Tatiana Cassano.

Nella prestigiosa chiesa Santa Maria del Suffragio detta del Purgatorio in Modugno prov. di Bari, si svolgerà il 19 dicembre 2014 ore 18.00 l’evento culturale
promosso dall’Associazione Artistica Culturale Animarsi curato dalla stessa presidentessa Stefania Tatiana Cassano -art director-.

Il reading vedrà la partecipazione dei poeti/scrittori: Paolo Amoruso, Natale Buonarota, Massimo Diodati, Zaccaria Gallo, Lilli Maggi,Marta Mizzi,Maria Pina Santoro.

Voci recitanti di: Mariella Lippo, Armando Merenda e Zaccaria Gallo.
Pianoforte e Voce: Sergio Cangelli
Scultore ed Orafo: Silvestro Regina
Scatti Fotografici: Giuseppe Roppo e Francesco Vallarella

Dulcis in fundo omaggio al cantante Pino Mango recentemente scomparso di Cresy Crescenza Caradonna.@

Ingresso libero.

diCresyCrescenza Caradonna


10859292_953261318020700_1129304364_n


campane-natalizie.gif



View original

“Orchidea”, racconto di Rita Barbieri

ORCHIDEA

Racconto di RITA BARBIERI

“Quel tatuaggio era per gli assenti, i fuggitivi, i lontani, gli indecisi.”

tattoo-parlor1Il giorno in cui decisi di tatuarmi un’orchidea pioveva forte. Grossi lacrimoni densi  si sbattevano sull’asfalto del marciapiede formando pozze acquitrinose nelle crepe.

Mi strinsi ancora di più nel mio impermeabile beige e attraversai la strada correndo sotto la pioggia battente. Avevo preso l’appuntamento per telefono e la persona che mi aveva risposto era un uomo dalla voce arrochita dal fumo. Non mi aspettavo niente di diverso.

Lo studio dove entrai era un buco buio, seminascosto in uno scantinato. Sentivo provenire un sottofondo di musica rock. Aveva lo stesso ritmo che, in quel momento, mi batteva dentro.

Non tirai neanche il fiato prima di aprire la porta: non volevo fermare nemmeno per un attimo il carico di adrenalina che mi scorreva, misto al sangue, nelle vene.

Lui alzò gli occhi e mi guardò fissa:

-Bianca?-

-Si-

Ovviamente non si aspettava una come me nel suo studio.

-Sei sicura?-

-Sicurissima.- dissi, estraendo dalla borsetta il disegno concordato e una busta che, in modo discreto, conteneva il suo compenso. Questo sembrò convincerlo.

-Accomodati  e togliti la giacca-

Mi girai e, lentamente, cominciai a togliermi l’impermeabile umido di pioggia. Non sapevo dove appoggiarlo per cui indugiai un po’ dandogli le spalle. Mi sentivo osservata. Indossavo un abito semplice, lineare, di maglia nera che assecondava i movimenti del corpo. Era uno dei miei preferiti e lo avevo scelto apposta.

-Appoggialo pure qui- disse lui alla fine. Mi girai e questa volta fui io a osservarlo. Era alto e grosso. Aveva braccia forti e muscolose, interamente ricoperte di tatuaggi variopinti che formavano reticoli e labirinti. Non li guardai nemmeno per un momento ma mi concentrai sui suoi occhi. Erano grandi e scuri e, in quel momento, rivelavano curiosità.

-Puoi sederti.-

Lo feci e tirai su la manica del vestito. Osservai per l’ultima volta il mio polso così com’era e poi chiusi gli occhi.

Quando avevo deciso di tatuarmi, non avevo nemmeno dubitato per un secondo su dove farlo. Il polso sinistro, nel punto dove si sente il cuore. Quando gli avevo parlato per la prima volta, lui aveva precisato:

-Farà un po’ male, lo sai vero?-

-Non importa. È anche per questo che voglio farlo-

Il tatuatore mi prese il polso e lo studiò:

-Forse sentirai male, come ti avevo detto è un punto delicato..i tendini e i nervi sono in evidenza…-

-Non importa. Lì va bene-

Nel momento in cui l’ago mi entrò nella pelle piansi. Il tatuatore mi chiese se dovesse fermarsi, se sentissi troppo dolore e io, per tutta risposta, scossi la testa e mi morsi le labbra con forza. Non potevo spiegare che il dolore che sentivo non aveva niente di fisico.

Lui sembrò capire e andò avanti. In silenzio, continuavo a piangere. Era più facile farlo lì in uno studio buio, davanti a uno sconosciuto che pagavo per procurarmi un piccolo dolore e una cicatrice inchiostrata che sarebbe durata per sempre. Era più semplice mostrarmi fragile e debole davanti a qualcuno che non conoscevo e che non avrei più rivisto. Probabilmente pensava fossi pazza ma non me ne importava. Ogni puntura toccava nodi e gorghi sepolti dentro di me e li portava a galla, esplosi in lacrime pulite e liberatorie. Non mi ero truccata quel giorno, sapevo che non avrebbe avuto senso.

Non so esattamente quanto fosse durata l’operazione, so solo che a un certo punto il tatuatore mi disse “Fatto!”  e mi portò il braccio vicino agli occhi perché osservassi il risultato.

Eccolo lì, il mio piccolo bocciolo d’orchidea. Sembrava osservarmi. Era fragile e delicato, come avevo chiesto.

 –Ti piace? Va bene?-

-Si. Benissimo. È quello che volevo-

Lui allora lo coprì con una garza sterile e cominciò a farmi raccomandazioni. Io non lo ascoltavo. Continuavo a pensare che adesso finalmente avrei avuto su di me qualcosa che sarebbe durato per sempre. Che non se ne sarebbe andato via al primo lavaggio, che non avrebbe subito gli attacchi corrosivi del tempo, qualcosa che mi avrebbe fatto compagnia per sempre. Finalmente qualcosa di fisso e incancellabile. Qualcosa che non sarebbe scivolato via facilmente,che non avrei potuto perdere, smarrire, dimenticare e non trovare mai più. Avevo fatto quel tatuaggio per ricordare tutte le assenze della mia vita che, ormai, come quel tatuaggio, mi appartenevano e mi segnavano. Facevano parte di me e me le vedevo davanti tutte le volte che mi guardavo dentro.

Quel tatuaggio era per gli assenti, i fuggitivi, i lontani, gli indecisi.

Era per coloro che erano durati quanto il tempo di una bellissima orchidea in un vaso: troppo poco.

Fuori la pioggia batteva ancora furente. Non mi importava. Infilai un paio di grandi occhiali scuri per nascondere i segni del pianto e mi infilai l’impermeabile ancora umido. Il tatuatore mi guardava pensieroso, sembrava chiedermi se stessi bene.

Mi aggiustai perbene gli occhiali  e gli sorrisi. Lo ringraziai. Presi l’ombrello e uscii: avevo una lunga giornata davanti.

“Il sole sorge a est” di Silvia Tufano

copertina silvia” Il Sole sorge a Est “. La lettura del libro, lascia la guida intravista dalla copertina : un percorso, un sentiero d’attraversare in silenzio, da soli, alla ricerca di quella luce all’apice di un un monte, simbolo dell’essere e le sue contraddizioni . I racconti reali, proiettano il lettore alla condizione di vedere e rivedere se stesso. Lo stile scorrevole permette riga dopo riga di non fermarsi a pensare, perchè è tutto molto chiaro , avvincente ! Se, la distrazione interviene per il vivere quotidiano, la mente d’incanto ti riporta al personaggio lasciato lì per un attimo sospeso e il desiderio di ritornare e finire il racconto diventa una necessità . La curiosità alimenta la conoscenza ! L’elemento noir è finemente interpretato con “eccessi ” reali ben amalgamati alla sensibilità di una donna! A tal proposito, non manca la costante poetica riferita a stati d’animo adagiati con cura, ognuno su un letto naturalistico, tanto da sembrare un unico ” sospiro ” . Cinque racconti, mai distaccati tra loro, un filo conduttore li unisce ed è L’UOMO, il suo abbandono , la condizione ancestrale dell’esser figlio- genitore o genitore – figlio, il dolore di segreti celati o spesso evidenti di un naturale affetto mancato, dai quali scaturiscono:il mondo della solitudine , della sofferenza. Volutamente, non mi addentro nella descrizione dettagliata del testo, per non svelarne l’autenticità e la stessa bellezza in esso contenuti . 

Una recensione: Il sole sorge a est è una raccolta di cinque racconti brevi scritti tutti nel’ inverno di quest’anno. L’autrice, abbracciando diverse varietà stilistiche, riesce con delicatezza e armonia, a narrare le sofferenze, le contraddizioni, le diversità del genere umano. L’attenzione è rivolta particolarmente a tutti coloro che hanno una profonda voglia di riscatto e di rinascita, che sono riusciti a crearsi una seconda possibilità e che non hanno consentito, alle vicissitudini spesso negative della vita, di spegnere l’unico motore attorno al quale tutto sembra ancora ruotare: la speranza. Le storie narrate in questo libro rivelano una profonda umanità dell’autrice, la capacità di ridare dignità anche a ciò che, a prima vista, sembrerebbe essere agghiacciante e terrificante. Tutto il libro è pervaso da una amorevole tenerezza con dei finali che lasceranno senza fiato e che proietteranno il lettore in dimensioni di vita mai nemmeno immaginate con descrizioni “ filmiche” che toccheranno livelli narrativi e discorsivi altissimi. L’autrice si muove tra i meandri della narrazione con una maestria e una naturalezza quasi innate. Il primo racconto dal titolo “Anime di burro” che narra una storia dolorosamente tormentata , è vincitore di tre concorsi letterari, due nazionali ed uno internazionale. L’ultimo racconto dal titolo “Non aver paura”, il preferito della scrittrice, apre uno spaccato totalmente nuovo e avanguardista su reati spesso efferati e disumani come l’omicidio. Un libro che non lascia indifferente e che arriverà dritto al cuore dei lettori. Un soave canto della diversità da parte di un’autrice emergente che non tarderà a divenire una scrittrice di grandi successi.

 
TITOLO:  IL sole sorge a est
Autore: Silvia Tufano
Editore: Aletti editore
Pag: 80
Disponibile nelle librerie e su tutti i book shop anche in versione ebook.

Un reading poetico dialettale ad Agugliano (AN) domenica 21 dic., in vista del Natale

Domenica 21 dicembre 2014 a Castel D’Emilio, frazione di Agugliano (AN) si terrà un reading poetico in dialetto organizzato dalla Associazione La Guglia di Agugliano con la collaborazione di Lorenzo Spurio.

Al reading poetico interverranno i poeti: Elvio Angeletti (Senigallia -AN), Valtero Curzi (Senigallia – AN), Marinella Cimarelli (Jesi – AN), Germana Duca Ruggeri (Urbino), Giovanni Balercia (Ancona), Riccardo Manzini (Porto San Giorgio – FM), Luca Coloccini (Jesi – AN) e Franco Patonico (Senigallia – AN).

La cittadinanza è invitata a partecipare. Di seguito l’invito alla serata in dialetto.

 

agugliano2

Anima di poesia

Blog di Letteratura e Cultura:

Come sempre l’amica Valentina Meloni è una profonda lettrice del testo e i suoi commenti critici svelano spesso con parsimonia e intelligenza aspetti delle opere che ai più, leggendo, possono sfuggire. Complimenti Vale e chiaramente un grande grazie all’autore per questa sua nuova pubblicazione!
Passo a ribloggare. Ciao ad entrambi!

Originally posted on valentinameloni:

Anima di poesia di Emanuele Marcuccio

recensione a cura di Valentina Meloni

115_Anima_di_Poesia_Emanuele_Marcuccio900

Nell’accostarsi alla conoscenza di nuovi autori tutto ciò che deve parlare al lettore è l’opera stessa. Non esiste curriculum, spiegazione, postfazione o studio che debba “inquinare” -per così dire- l’approccio alla lettura delle poesie (perché di poesia qui si parla). L’opera deve contenere (e lo contiene) tutto: il messaggio, certo, le qualità stilistiche, l’originalità (ove presente) e l’impegno; deve altresì compiersi, entro una raccolta poetica, il disegno dell’autore, e, implicitamente, attraverso la parola, il verso, dispiegarsi la visione contemporanea dell’occhio interiore che vive nell’io poetico. A volte una raccolta comunica semplicemente l’evoluzione dell’autore nel suo sperimentare la propria visione: è questo il caso di Emanuele Marcuccio che si racconta in Anima di Poesia.

Anima di poesia che mi abbracci

nell’attesa, nel silenzio,

 mi sembra di sognare…

 Anima di poesia, non svegliarmi,

 lasciami ancora sognare…[1]

N

View original 1.766 altre parole

Ilaria Celestini su “Neoplasie civili” di Lorenzo Spurio

Blog di Letteratura e Cultura:

Ringrazio di cuore Ilaria Celestini per aver letto il mio nuovo libro di poesie e per avergli dedicato tempo nel scrivere questo commento che passo subito a ri-bloggare sul mio blog. Grazie di cuore.

Originally posted on scenariletterari :

copertina Lorenzo

Quando lo sdegno diviene poesia: Neoplasie civili di Lorenzo Spurio

(Edizioni Agemina, Firenze 2014)

Quando a cimentarsi con la poesia è una tra le menti più brillanti della nuova generazione di critici letterari, i risultati vanno oltre la poesia stessa, e colpiscono proprio per la costruzione di una silloge che esprime volutamente nello stile e ancor più nei contenuti una poetica della non-poeticità.

Mai come oggi, in una società malata di ogni tipologia di violenza e di negazione della dignità umana, diviene quasi inevitabile che chi s’interessa di letteratura affronti l’impatto con la realtà e ne denunci impietosamente le storture.

Così, il verso poetico rinuncia in partenza a ogni orpello retorico, a ogni tentazione estetizzante e perciò stesso qualunquistica, e, in nome di un’arte che non può essere fine a se stessa, ma intende servire l’uomo e la contemporaneità, diviene grido.

E grida le tragedie che si consumano in ogni…

View original 424 altre parole

Recensione a “Deltaplano” di Michele Miano

Originally posted on scenariletterari :

copertina Michele

Recensione alla silloge Deltaplano di Michele Miano

(BastogiLibri, Roma 2014)

Una silloge raffinata, che rivela un autore profondo, intenso, proteso verso gli spazi infiniti e i sovrumani silenzi dell’essere e nel contempo calato nella realtà e nella complessità dell’esistenza.

Deltaplano è la seconda opera poetica di Michele Miano, avvocato e consulente legale di professione e figlio d’arte dal punto di vista letterario, dato che discende da una famiglia da sempre appassionata fucina di talenti letterari e giornalistici.

Il padre Guido è editore di valore e lo zio paterno Alessandro era valente scrittore ed esperto di giornalismo.

Tuttavia l’etichetta di ‘figlio d’arte’ è riduttiva, nel caso di questo Autore che con estremo pudore, ma anche con il giusto orgoglio delle proprie radici, si cimenta con la scrittura poetica, mettendo brevemente tra parentesi il proprio essere critico letterario e artistico.

E qui rivela il meglio di sé, e brilla assolutamente di luce…

View original 449 altre parole

I Premio Letterario “Poesia nel Borgo” – Montignano di Senigallia (AN)

I° EDIZIONE “POESIA NEL BORGO” – CONCORSO NAZIONALE

La Chiesa di S. Giovanni Battista a Montignano di Senigallia (AN)

La Chiesa di S. Giovanni Battista a Montignano di Senigallia (AN)

Organizzato da :
LA BIBLIOTECA COMUNALE “ LUCA ORCIARI “-  ASSOCIAZIONE PROMOTRICE MONTIGNANESE
IL CENTRO SOCIALE ADRIATICO – CON IL PATRICINIO DEL COMUNE DI SENIGALLIA
Tipologia degli elaborati : poesia inedita (massimo 36 versi compresi gli spazi)
Il concorso sarà diviso in due ( 2 ) sezioni A e B
A – poesia in lingua italiana
B – poesia dialettale seguita da traduzione il lingua
Livello metrico e ritmico libero.
Tema : libero
Modalità di partecipazione: Ogni opera deve essere inviata tassativamente in via informatica
All’indirizzo di posta montignanopoesie@libero.it – per chi trovasse difficoltà Inviare il cartaceo al seguente indirizzo: Biblioteca “Luca Orciari” – Via Del Campo Sportivo ,1/3 – 60019 Marzocca di Senigallia ( AN ), Inserendo all’interno del plico oltre alle poesie ed i dati personali dell’autore la copia del pagamento effettuato. Farà fede il timbro postaleGeneralità da specificare nell’email : nome, cognome, età, indirizzo, telefono, email, aggiungere la copia del cedolino del versamento eseguito in PDF.
Non saranno ammesse opere già edite. Gli elaborati non saranno restituiti.
Inviare le poesie in PDF tipo carattere Times New Roman dimensione carattere12 Per la sezione B dovranno essere allegate le traduzioni in lingua italiana e sarà utile come valido supporto non
obbligatorio allegare una registrazione in Windows Media Audio (WMA) per una più approfondita valutazione del testo poetico. Tutte le opere saranno conservate nell’archivio del concorso

Quota di iscrizione : il candidato può concorrere con n° 2 poesie.
è richiesto un contributo di partecipazione, quale tassa di lettura, di 10,00 €
(l’importo è valido per n° 2 poesie ) da versare sul Conto Corrente Bancario
IBAN IT 29 V 08839 21301 000050150650

BANCA SUASA CREDITO COOPERATIVO,
FILIALE DI MARZOCCA

Intestato: ASSOCIAZIONE PROMOTRICE MONTIGNANESE
Strada della Grancetta s.n. MONTIGNANO DI SENIGALLIA (AN)
Causale: partecipazione al concorso letterario nazionale “ La poesia nel borgo”
Scadenza invio file :31-05-2015
Per i minorenni autorizzazione di uno dei genitori
Limite di età : non possono prendere parte al concorso tutti coloro che non hanno ancora raggiunto i 15 anni di età.
GIURIA: la giuria del Premio, il cui giudizio è inappellabile, sarà costituita: da critici d’arte e letterari, poeti scrittori… i cui nomi saranno resi noti alla premiazione
Premi : per ogni categoria
1° CLASSIFICATO = targa + pergamena
2° CLASSIFICATO = targa + pergamena
3° CLASSIFICATO = targa + pergamena
Saranno, inoltre, assegnati i seguenti premi : menzioni speciali e menzioni d’onore a discrezione dell’associazione e della giuria, tutti i partecipati riceveranno attestato di partecipazione.
La cerimonia della premiazione si svolgerà il 22-08-2015 in Montignano di Senigallia AN – Nella piazzetta antistante la chiesa parrocchiale di Montignano o, in caso di cattivo tempo all’interno della medesima Chiesa.
SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE
Apertura della serata conclusiva:
inizio alle ore 18,15  eventuali comunicazioni saranno inviate tramite posta elettronica, saranno comunque visibili sui gruppi Facebook (Amici della Biblioteca “Luca Orciari” – POESIA E COLORI – RIME DI MARE – LE PAROLE RACCONTANO – LUCE)
È possibile contattare anche per informazioni Elvio Angeletti al n° 366 8642034
Biblioteca “ Luca Orciari” nei seguenti orari dal lunedì al venerdì 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00
Il presidente dell’Associane Promotrice Montignanese Elio Mancinelli

Presidente onorario – Prof.ssa Renata Sellani

Montignano di Senigallia lì 11-12-14

L’incuria e l’insensibilità del panorama editoriale italiano. Intervista a Ninnj Di Stefano Busà

Una cultura disastrata:

parola di Ninnj Di Stefano Busà

Una sola cosa si può dire per riassumere il mostruoso curriculum artistico di Ninnj Di Stefano 
Busà: quarant’anni di poesia alle spalle come editrice, pluripremiata poetessa e giurata in una 
moltitudine di premi alle spalle. Poi arrivo io, ilpiccoloVilla, a chiederle se posso scrivere le sue 
opinioni sul panorama letterario italiano ed eccola: un fiume in piena di parole che scaturiscono 
dal profondo, dai decenni di esperienza e da un’amarezza senza fine per quello che ai suoi occhi è 
un disfacimento morale prima ancora che artistico italiano.
È a questo punto d’obbligo chiederle cosa pensa a proposito dell’odierna scena nostrana della 
poesia e della letteratura in genere e, già che ci sono, proverò a chiederle qualche ‘dritta’.

Ninnj, come vede il panorama dei nuovi poeti di oggi? 

L’odierna scena italiana della poesia mi lascia basita e mi fa paura, tra non molto la poesia 
come “oggetto” letterario uscirà di scena completamente, ciò si verificherà non tanto per 
assenza di poeti, né perché la poesia decade come oligarchia di culto intellettuale. 
Semplicemente per un contraddittorio e una scena di decadimento di valori e di correttezza 
intellettuali ai quali nessuno può più opporre rimedio. Ritengo che se non fosse grave 
potrebbe apparire buffo in egual misura. 
Succede anche questo in Italia, sapete? L’Italia delle contraddizioni, degli anacronismi, 
delle antinomie, dei contrasti a cielo aperto? Ecco di quella vi parlo, di quell’italietta da 
quattro soldi scarsamente equiparata al progresso indietro di almeno 30 anni rispetto ai partners europei 
più consolidati e mastodontici veri mastini del mercato internazionale:  I poeti chi sono, 
questa brutta razza dannata? Premono e battono per essere introdotti, ahimé…povera gente! Illusi, veri stakanovisti del “rifiuto” insistente e persistente. Ma dove 
vogliono andare? Cosa pretendono? Sono malvisti, ridotti al ruolo di sudditanza a causa della
incuria dell’indifferenza  e del malcostume degli editori governativi di non tenerli in 
considerazione, essi sono obbligati a ripiegare sulle case editrici meno blasonate, 
cadendo in mano ad un sottobosco che ne intercetta solo l’introito. Eppure la vena
 letteraria italiana sarebbe una risorsa per il paese in crisi… Sempre meglio che un ventre piatto dalla fame che ci sorprenderà alle spalle, d’improvviso, 
come  una catastrofe, che nessuno ha giudicato tale fino al momento di esserne subissati.

È noto che fra te ed il mondo editoriale italiano non corre buon  sangue. 

Cosa non funziona  e perché?

Gli editori italiani di rango (noblesse oblige) volgono altezzosi e indifferenti le loro 
attenzioni alla narrativa straniera, sempre proni a dare ad altre nazionalità onori e 
gloria perpetrando un insulto agli autori nostrani.
I direttorini editoriali grandi marche, per lo più giovani baldanzosi e bizzarri, fortemente 
vanitosi che da loro stessi, in piena autonomia gestiscono la sponda editoriale, 
autodefininendosi da soli padreterni, o “deus ex machina” intricati nella politica nostrana, 
ammanigliati coi più alti vertici dell’establishement, fanno gli snob, con gli scrittori 
(e i poeti) disdegnando le loro opere, senza neppure dar loro un’occhiata di demerito. 
Siatene certi che dal filtro intransigente transita però l’amico dell’amico, il vicino di casa, 
l’anonimo sconosciuto al quale è giusto dare credito intellettuale, mentre non vale niente 
quello che dice o scrive la “massa” fluida, il corpo senza testa di tanti anonimi illusi…
Così definiscono l’onda anomala degli scribacchini: una marea di gente megalomane che 
senza avere le carte in regola si mette in testa di sfondare…si spranghino le porte, si butti nella spazzatura ogni opera inedita, ogni romanzo o 
raccolta di poesie provenienti da pianeti sconosciuti, tanto è “fuffa” senza sospettare 
che tra cotanto pattume, ci possa essere il Pirandello della situazione, il Vate della poesia, 
il solipsista silenzioso che fa la differenza.
Ma tant’è così è se vi pare: la compattezza è d’obbligo, l’ostilità a leggere “robaccia” del 
popolo,  senza l’avallo o il nullaosta di camerille, di congreghe, o altri rimestamenti/
accomodamenti è necessaria perché questi “individui” imparino la lezione: non si entra 
senza la chiave, è severamente 
vietato.

Qual è l’errore tecnico più frequente che riscontri nelle nuove leve  e cosa 

suggerisci per porvi rimedio?

Io non sono “nessuno” e non posso suggerire nulla, anche perché ho ricevuto anch’io porte 
in faccia…ma non mi preoccupo di questo, vi passerò da morta, perché sono in grado di 
valutare (e molto  severamente) meriti e demeriti di chi opera in campo, sono feroce con 
me stessa tanto quanto lo sono quei bellimbusti che non si peritano di rispondere neppure 
con un rigo di diniego ai fantomatici appelli.

E degli autori che si autopubbliccano cosa pensi?  Sbagliano o sono una 

risorsa in più per la letteratura italiana?

Degli autori che si autotassano per le loro pubblicazioni penso che sono una piccola 
risorsa in un momento di crisi obiettiva, di oscuramento delle capacità imprenditoriali 
del paese, una piccolissima addizionale riserva economica che fa vivacchiare i poveri 
cristi, ma non cambia il principio e la portata del fenomeno. Siamo un popolo che non 
potrà progredire, non potrà andare troppo lontano, perché troppe sono le incongruenze, 
le detrazioni morali, le defaillances del sistema. Ci fa difetto l’intelligenza, l’amor proprio, il senso del dovere, l’orgoglio, 
siamo pecore  in un recinto di caproni, per via deduttiva dovremmo essere già naufragati, salva il famoso humour, l’allegria degenere, la irrefrenabile ironia di saper sopportare 
impunemente la defenestrazione di ogni categoria pensante (vedasi scuola, ricerca etc). 
Ma ancora per quanto tempo?

Qual è per Ninnj lo scopo della poesia?

Per me è la vita, non credo lo sia per tutti, la vetrina della vanità dà per scontato il suo 
“fine”  che è invece un mezzo per elevarsi sempre più alla condizione di homo sapiens. 
Io conduco imperterrita la mia battaglia per la poesia da quarant’anni, senza mai una 
defezione, un ravvedimento, senza guarigione, dalla poesia quando è vera non si guarisce 
mai, è un morbo che t’infetta, un virus che ti contamina l’anima, la si ama più della 
propria vita, perché essa è espressione primaria della propria coscienza morale. 
Ne ho combattuto i detrattori mostrando unghie e denti a coloro che non credono 
nelle capacità catartiche di questa risorsa umana. La poesia mi dà gioia, serenità 
nei momenti difficili, mi conduce per mano da quando avevo tredici anni. 
Non l’ho mai abbandonata, la mia fedeltà assoluta alla causa vorrà pure dire 
qualcosa, la considero la mia seconda pelle.

Una domanda che non ti hanno mai fatto ma cui avresti sempre  voluto 

rispondere.

Una domanda che non mi hanno mai fatta? Perché scrivo? Risponderò con tutta 
sincerità,  non lo so:  madre natura mi ha dotato di un cervello vigile e lucido, cerco 
disperatamente di metterlo a disposizione degli altri, non so sinceramente se vi riesco, 
l’intenzione è quella di aprire punti di riferimento, fare da battistrada a risolvere 
incongruenze e defezioni. Non dimenticate che il mio segno zodiacale è acquario: 
portatrice di bene per antonomasia, infatti è contrassegnato da una fanciulla 
che regge una giara d’acqua, quale bene più grande!
C’è amarezza ma no cattiveria in queste parole asciutte che fanno soltanto
riflettere, non lasciano nulla da aggiungere nulla. 
E per chi non la conoscesse, ecco il “breve” curriculum della Di Stefano Busà: solo un
riassunto, tanto per gradire.

Ninnj Di Stefano Busà

Ninnj Di Stefano Busà

Ninnj Di Stefano Busà

Nata a Partanna, vissuta nella prima infanzia in Sicilia, ha iniziato a scrivere, incoraggiata  da Salvatore Quasimodo, suo corregionale e amico di famiglia.

Tra i ventitre libri pubblicati che le hanno valso alcuni dei premi letterari più 
prestigiosi, ricordiamo almeno gli ultimi titoli: Tra l’onda e la risacca (2007),
 L’Assoluto perfetto (2010), Quella luce che tocca il mondo (2011), La traiettoria 
del vento (2012), Il sogno e la sua infinitezza (2012), La distanza è sempre la 
stessa (2013), Eros e la nudità (2013), Ellittiche stelle (2013). In saggistica: 
Il valore di un rito onirico (New York, 1990; L’Estetica crociana e i problemi 
dell’arte (1986). E’ collocata nella Storia della Letteratura Italiana (6 vol. per i Licei 
e Scuole superiori, Ed. Simone). Si occupa di critica letteraria, saggistica, giornalismo, 
narrativa. Un suo romanzo: Soltanto una vita è uscito con Kairos Editore nel 2014. 
Ricopre il ruolo di Presidente di un programma culturale internazionale con il 
Governo e il Consolato dell’Ecuador, di cui è stata insignita per meriti letterari 
dell’onorificenza di Gran Dignitario. Per Kairos Ed. 2013 ha curato l’Archivio Storico 1990-2012 per le Scuole: L’Evoluzione delle forme poetiche (un ventennio dei più rilevanti 
poeti italiani).

“Quando lo sdegno si fa poesia: Neoplasie civili di Lorenzo Spurio” a cura di Ilaria Celestini

Quando lo sdegno diviene poesia: Neoplasie civili di Lorenzo Spurio

(Edizioni Agemina, Firenze 2014)

  

Quando a cimentarsi con la poesia è una tra le menti più brillanti della nuova generazione di critici letterari, i risultati vanno oltre la poesia stessa, e colpiscono proprio per la costruzione di una silloge che esprime volutamente nello stile e ancor più nei contenuti una poetica della non-poeticità.

Mai come oggi, in una società malata di ogni tipologia di violenza e di negazione della dignità umana, diviene quasi inevitabile che chi s’interessa di letteratura affronti l’impatto con la realtà e ne denunci impietosamente le storture.

Così, il verso poetico rinuncia in partenza a ogni orpello retorico, a ogni tentazione estetizzante e perciò stesso qualunquistica, e, in nome di un’arte che non può essere fine a se stessa, ma intende servire l’uomo e la contemporaneità, diviene grido.

E grida le tragedie che si consumano in ogni angolo del mondo, dalle steppe caucasiche alle regioni desertiche, dove diversi sono i protagonisti, differenti le motivazioni, ma uno e medesimo è il sangue che scorre, una e una sola è l’umanità che geme, umiliata, ferita e oppressa.

Non ci sono più favole, nel mondo così crudamente descritto dall’Autore: non ne è più il tempo, nei luoghi ove risuona il rombo crudele della mitraglia, o dove i bambini vengono coperti di lividi e seviziati nel silenzio.

Lorenzo Spurio

Lorenzo Spurio

E’ poesia di denuncia, quella di Lorenzo Spurio, come di denuncia è la sua raccolta di racconti La cucina arancione, che raccoglie idealmente il testimone del maestro Ian Mc Ewan, al quale il giovane critico ha dedicato un saggio illuminante sulla ineluttabilità di avere il coraggio di alzare il velame delle reticenze e dell’omertà di fronte agli abusi e alle tragedie che si consumano ogni giorno nei rapporti interpersonali e nelle famiglie.

Le formazioni che come un cancro corrodono le strutture e le sovra-strutture sociali e ne decompongono progressivamente la morfologia, hanno nomi non meno inquietanti delle patologie anatomiche: si chiamano Potere, Servilismo, Omertà, Oppressione, Violenza, Negazione, Opportunismo, e la serie potrebbe continuare all’infinito.

Gli ambiti privilegiati dove proliferano le cellule malate, oltre alle realtà civili e private, dagli interni borghesi agli ambiti lavorativi, sono quelle più ampie della Polis, dove la politica intesa come arte di servire la comunità è scomparsa, e ha lasciato il posto allo spettro onnipervadente del Potere.

Un potere che si trastulla nei giochi dei palazzi, e che conduce alle migliaia di morti nelle piazze nei regimi totalitari e dovunque l’essere umano sia stato degradato a strumento e a oggetto.

In questo scenario quasi apocalittico, si stagliano nitide le figure esemplari ed emblematiche delle vittime innocenti, come la dolce e sventurata Lady D., o come i bambini poveri che tentano di giocare sotto il fuoco dei cecchini, “tra le pozzanghere nere senza fine”.

Un libro amaro, che non cerca di compiacere o di blandire nessuno; una silloge che è un colpo di frusta ai costumi e ai mal-costumi del nostro tempo e al tempo stesso ne è una fotografia amara e indignata, in virtuale omaggio a quel “facit indignatio versum” di antica memoria, in cui Giovenale, anch’egli giovane e brillante intellettuale, testimone di un’età in disfacimento, asseriva che la propria opera poetica era dettata dallo sdegno di fronte al male dilagante.

Un’opera che induce a riflettere, non per fuggire, ma per cambiare e iniziare a sviluppare, prima del baratro, una speranza di costruttività.

  

                          Ilaria Celestini

 Brescia, 10 Dicembre 2014

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.873 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: