“Dialogo col cielo” di Michela Zanarella tradotta in albanese da Arjan Kallço

Dialog me qiellin

Michela Zanarella

Traduzione di Arjan Kallço

Agu ende i ruan konturet e natës

Dialogu i dritës së një ylli

Kurrë s’u ndërpre

Na drejtoheshin neve reflektimet e reve

Donin të na thonin që t’ua vinim veshin

Shenjave të qiellit

Ndonjëherë në dritën e ditës

Fshihet një ëndërr e parealizuar.

Bota dremiste por yjet nuk i dredhonin

Dashurisë që përparonte lart

Përmes lëvizjeve të hënës në lulëzim.

Dialogo con il cielo

di Michela Zanarella

L’alba ha ancora i lineamenti della notte

il dialogo di luce di una stella

non si è mai interrotto

erano rivolte a noi le riflessioni delle nuvole

volevano dirci di prestare ascolto

ai segni del cielo

a volte nel chiaro del giorno

é nascosto un sogno irrisolto.

Il mondo dormiva

ma gli astri non si sottraevano

all’amore che avanzava in alto

con le movenze della luna in fiore.

  • La poesia e la sua traduzione vengono pubblicate su questo spazio con il consenso degli autori che non hanno nulla a pretendere né all’atto della pubblicazione né in futuro. E’ fatto divieto di copiare, riprodurre e appropriarsi di parti o degli interi contenuti dei testi, la cui autorizzazione sull’uso va richiesta agli unici autori, sollevando il blog da qualsiasi disputa possa insorgere.

La poesia “Le mie labbra” di M. Zanarella con traduzione in albanese a cura di Arjan Kallço 

Le mie labbra

Di MICHELA ZANARELLA

 

Le mie labbra

hanno la pazienza delle stagioni

e sanno che verrai

a indovinare la voce dell’amore

con un bacio.

Ci scambieremo le scie del silenzio

e l’argine di luce dove respirare.

L’estate ci verrà incontro

per dirci di non lasciare

più nessun tramonto

fuori dalla pelle.

La vita che chiedeva orizzonti

ci ascolterà puntare i corpi verso il cielo

e fioriremo

zuppi di vita dentro il sole.

 

female-girl-teenager-teen-night-soft-dark-hard-light-lips-sensual-hair-people-person-nu-1454708

 

Buzët e mia

Traduzione in albanese a cura di Arjan Kallço 

 

Buzët e mia

mbajnë durimin e stinëve

dhe ato e dinë se ti do ta gjesh

me një puthje

zërin e dashurisë.

Do t’i shkëmbejmë gjurmët e heshtjes

dhe pendën e dritës ku të frymojmë.

Vera do na ndihë e

do të na thotë që të mos e braktisim

më asnjë perëndim

jashtë qënies sonë.

Jeta që kërkonte horizonte

do na pëgjojë tek i drejtojmë trupat drejt qiellit

dhe do të lulëzojmë

të vaditur me jetë brenda diellit.

 

La riproduzione de brani poetici qui pubblicati, dietro esplicito consenso dell’autrice, non possono essere riprodotti, a stralci ne in forma integrale senza il consenso scritto da parte della poetessa.