“Il giardino di Mattia”, romanzo d’esordio di Daniela Ippoliti

Il giardino di Mattia di Daniela Ippoliti
Bibliotheka Edizioni, 160 pp., 11€

coverilgiardino.png“La morte di qualcuno può dare inizio alla nascita di qualcun altro”. In questa frase è racchiusa tutta la profondità di questo romanzo, che segna l’esordio nel mondo editoriale di Daniela Ippoliti con Bibliotheka Edizioni. Può la vita di un giovane interrompersi all’improvviso? Purtroppo succede ed è realtà attuale e tristemente diffusa. Un incidente stradale la spezza per sempre, e cambia quella di chi resta. Con una scrittura semplice, molto descrittiva ed avvolgente l’autrice ci proietta addosso tutto il dolore per la scomparsa di un ragazzo che era amato dagli amici, dalla famiglia, dalla comunità. Il vuoto che ha lasciato è evidente e viene raccontato attraverso le azioni e i pensieri di Chiara ed altri compagni che con lui hanno condiviso momenti di vita e spensieratezza. Un luogo diventa il simbolo per mantenere vivo il ricordo: un giardino. E’ meta di incontro dei ragazzi per restare uniti e trovare un po’ di conforto. Si intrecciano storie, prendono forma situazioni nuove ed emozioni e dal buio appare una flebile luce di speranza. Daniela Ippoliti riesce a coinvolgere il lettore, a trascinarlo con forza in una dimensione drammatica, che può evolvere e trasformarsi in qualcosa di diverso, più luminoso e positivo, dove tutto può avere un colore, se si ha la volontà di crederci.

 

Il libro

Mattia è un ragazzo di diciannove anni come tanti, con una vita normale, degli amici normali ed una famiglia altrettanto normale, fino a quando tutto tragicamente si interrompe per sempre perché Mattia muore in un incidente stradale con il suo scooter. Per cercare di sopportare il dolore per la perdita del loro amico e nel tentativo di trasformare un posto dove è arrivata la morte in un luogo dove poter ritrovare un po’ di vita e di allegria, gli amici di Mattia decidono di creare un piccolo ma attrezzato giardino nella piazza dove il ragazzo ha avuto l’incidente mortale. Andando a scomodare la teoria sociologica sui ‘sei gradi di separazione’, il libro racconta di come l’esistenza di ognuno di noi sia spesso legata, tramite un filo invisibile, all’esistenza di un altro individuo e come l’aiuto che ci serve possa giungere da ogni direzione, anche la più impensabile.

L’autrice

Daniela Ippoliti è nata a Roma nel 1964, dove vive attualmente insieme a suo figlio. Laureata in medicina e chirurgia presso l’Università di Roma La Sapienza e specializzata in dermatologia, lavora da molti anni presso un famoso istituto dermatologico della capitale. “Il giardino di Mattia” è il suo primo romanzo.

 

Uff. stampa Michela Zanarella

Contatti: pressliveitalia@gmail.com

Annunci

“I giardini incantati”, silloge di Stefano Labbia

I giardini incantati di Stefano Labbia

Talos Edizioni, 2017, ISBN: 978-88-98838-72-1

Sinossi:

L’autore si confida con noi, aprendo le porte del suo mondo, del suo vissuto: all’interno de “I Giardini Incantati” troviamo poesie centrate su una cifra stilistica originale e su una I Giardini Incantati.jpgdimensione espressiva che si confronta con temi esistenziali, mantenendo la forza simbolica e la carica emotiva del testo. Sono testi efficaci, quelli del poeta romano, classe 1984, che, oltre a possedere una certa originalità di impostazione, elaborano un linguaggio vivo, moderno e coinvolgente, valorizzando efficacemente l’itinerario espressivo e i contenuti in una chiave personale e significativa, di grande essenzialità. Il Labbia insomma riesce a coniugare l’aspetto lirico (proprio della poesia) con quello di canto attuale, moderno in un volume davvero significativo nel panorama poetico letterario italiano. I suoi versi sono sottolineati da belle immagini, sono incisivi e tutto l’impianto d’insieme è bene architettato, composto con avvedutezza e curato stilisticamente tanto da sembrare anche di poter cogliere un accoramento esistenziale che è sicura prova di genuinità espressiva dell’autore.

L’autore:

Stefano Labbia Manfredi, classe 1984, è un giovane autore italiano di origine brasiliana. Nato nella Capitale, ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie, Gli Orari del Cuore nel 2016 per Casa Editrice Leonida. Al lavoro sulla sua prima serie televisiva originale inglese di stampo teen drama, dal titolo “Fear”, di cui è unico ideatore e sceneggiatore, nel 2017 vedrà la luce la sua seconda silloge poetica, I Giardini Incantati per Talos Edizioni. Vive tra Roma e Londra. Collabora dal 2016 con le testate 2Duerighe.com (nella sezione spettacolo (cinema e teatro)), MyReviews (cinema – cultura), The Freak (autore – poeta) ed Oubliette Magazine (cinema, arte, teatro e musica). Ha inoltre collaborato alla stesura e all’ideazione di “Rivka” (Serie Italiana – 2016), “Boh” (Sitcom – finalista all’Infinity Film Festival di Mediaset 2016 – Ideazione, regia e sceneggiatura), “Butterfly Lies” (2015 / 2016 idea, soggetto e sceneggiatura), “Safe” (Soggetto e sceneggiatura – Tv Show USA – 2015), “Life Goes On – La Vita Va Avanti” (Soggetto e sceneggiatura – Film – 2015), “American Inn” (soggetto e sceneggiatura – Sitcom – USA – 2015).

Link al volume sul sito della casa editrice

“Grendel e il Poeta. Da Beowulf a Shakespeare” di Daniela Quieti sab. 4 marzo alle Giubbe Rosse (Firenze)

Sabato 4 marzo alle ore 17:30 presso il Caffé Letterario “Le Giubbe Rosse” di Firenze (Piazza della Repubblica 13) verrà presentato al pubblico il saggio Grendel e il Poeta. Da Beowulf a Shakespeare della scrittrice, poetessa e critico letterario Daniela Quieti. L’evento si inserisce all’interno degli appuntamenti “Artisti & Autori alle Giubbe rosse” curati da Jacopo Chiostri e Anita Tosi. Interverranno Jacopo Chiostri (giornalista), Roberta Degl’Innocenti (poetessa) e Alessandra Ulivieri (Editrice). L’evento sarà ripreso dalle telecamente di Toscana TV per mezzo dell’inviato Fabrizio Borghini.A conclusione sarà oggerto breve drink/buffet agli intervenuti.

L’autrice

Daniela Quieti, scrittrice e giornalista, vive a Pescara. Iscritta all’Albo dell’Ordine dei giornalisti pubblicisti, è Direttore Responsabile del Periodico Logos Cultura e Presidente dell’omonima Associazione.. Dirige la collana editoriale di narrativa Emotion per la Pegasus Edition ed è nella redazione del quadrimestrale di poesia e letteratura italiana e straniera “I fiori del male”. Ha pubblicato i libri: I colori del parco (2007, poesia); Cerco un pensiero (2008, poesia); Altri Tempi (2009, narrativa); Echi di riti e miti (2010, narrativa); Uno squarcio di sogno (2010, poesia); L’ultima fuga (2011, poesia); Francis Bacon La visione del futuro (2012, saggistica); Quel che resta del tempo(2013, narrativa); Atmosfere (2014, narrativa); La Travolgente domanda – Cent’anni di Prufrock (2015, saggistica); Grendel e il Poeta Da Beowulf a Shakespeare (2016, saggistica). Numerosi i suoi contributi critici in antologie, curatele e volumi collettivi. È storicizzata in testi di letteratura fra cui Letteratura Italiana-Dizionario biobliografico dei poeti e dei narratori italiani dal secondo novecento ad oggi (2010) ed Evoluzione delle forme poetiche (2013).

Invito Giubbe Rosse Quieti.jpg

In uscita “Un perfetto idiota” di Frank Iodice

copertina-low-2Uscirà nel mese di Febbraio il nuovo romanzo di Frank Iodice, Un perfetto idiota.  

Frank Iodice è uno scrittore e giornalista freelance, collabora con diversi giornali e riviste e insegna italiano presso la Florida State University. È autore di Anne et Anne, lanciato sulla rivista Nuova Antologia da Massimo Carlotto. 10000 copie del suo Breve dialogo sulla felicità con Pepe Mujica sono state distribuite gratuitamente nelle scuole.

SINOSSI:

Marsiglia, un gruppo di minori affidato a un custode notturno, totalmente inesperto; sua moglie, che resta sveglia ogni notte ad aspettarlo; una bambina di sei anni, che si affeziona a lui e farà di tutto per restargli accanto; una giovane educatrice, che decide di cambiare vita e si lascia coinvolgere in un riciclaggio di denaro e azioni bancarie; e una vecchia prostituta argentina, che rivive la sua storia d’amore con il suo primo fidanzato, nel frattempo diventato parroco. Un romanzo sul peso del giudizio: una storia d’amore tra un uomo, una donna e una bambina.

ESTRATTO:

“Lo zainetto di Odette era uno zainetto da grandi, non c’erano dinosauri, balene, né tutta quella roba per bambini, e lei lo sapeva perché lo trattava come una donna adulta tratta la sua borsa, con la noia verso qualcosa da trascinarsi sempre addosso e la devozione per un oggetto magico che contiene tutti i suoi segreti. Era bianco, si chiudeva con un laccio, quindi dovevi anche saper fare il nodo, e non un nodo qualsiasi che si impara a cinque anni, con le due farfalline che si incrociano, ma uno abbastanza forte da allacciare e slacciare tutte le volte che ti pare senza che si ingarbugli. E comunque, anche quando si ingarbugliava e si creavano più nodi uno dentro l’altro, Odette aveva la sua tecnica per scioglierli tutti. A me, non l’ha mai spiegata.”

Info/Contatti:

www.frankiodice.it –  frankiodice@hotmail.com 

E’ uscito “Blu”, l’ultimo libro di poesie di Serena Maffia

 COMUNICATO STAMPA

Serena Maffia BLU Saya edizioni“Blu” di Serena Maffia è l’ultimo libro della poetessa-scrittrice, pubblicato da Marco Saya Edizioni.  Il volume è una raccolta di poesie che la Maffia ha composto ispirata dal suo essere madre, dal rapporto forte e profondo che ha con sua figlia Ginevra, anche se, come spiega lei stessa, “ogni madre ed ogni figlia possono riconoscersi in questi versi, perché è questo il bello della poesia: il suo essere universale”.  Ad un lettore attento non potrà sfuggire l’intensità di questi versi che rispecchiano le paure, ma anche la forza e le speranze di una donna che cresce da sola la sua bambina e nonostante tutto si impegna a farle notare tutte le cose belle che la vita ci regala. 

“Quando si parla di poesia si tende in genere a parlare di significati, se ne estrapola, in sostanza, il pensiero – scrive Claudio Damiani nella prefazione del libro – e nella poesia di Serena Maffia c’è pensiero nuovo”. Con una scrittura fluida, naturale, la Maffia mette su carta le sue esperienze di  bambina per raccontarle alla figlia e poi con lei, di nuovo, si diverte a giocare con penna e pennarelli colorati.  La positività di Serena Maffia emerge chiaramente sullo sfondo di questi versi, anche di quelli più forti e appassionati, quando sembra stia cedendo al destino e invece no, continua a combattere e sperare per amore della figlia: “mi piacerebbe gestire la luna / convincerla a darti risposte / …tu il cielo, io il gabbiano che ama il sereno/ figlia del mondo, figlia del bene”.

Leggere rilassa il corpo, ma attiva la mente, ha spiegato Serena Maffia, certo è diverso leggere un testo o i versi di una poesia. La poesia va letta più volte, è una metafora e la metafora si trasforma in un’immagine che entra a far parte delle esperienze a cui possiamo attingere nel corso della nostra vita. Colori, forme, vengono identificati dalla nostra mente ed entrano a far parte del nostro bagaglio di conoscenze. In questo senso leggere può arricchire: una delle grandi capacità di noi esseri umani è quella di poter apprendere dalle esperienze altrui, non solo da ciò che viviamo direttamente. “Io consiglio a tutti di avvicinarsi alla poesia, alla poesia buona – ha detto la Maffia –  provate, leggete e quando incontrerete i versi capaci di toccarvi l’anima capirete cosa intendo quando parlo di poesia buona”.

Serena Maffia è docente di comunicazione efficace, metodologia della progettazione, storytelling e public speaking allo IED di Roma. Studiosa di Scienze cognitive applicate alla letteratura, consulente di comunicazione e giornalista per la televisione inviata per Rai3, Rai Educational con la trasmissione GAP, su Italia1 con il programma Voglia, addetto stampa in Campidoglio del Presidente del Consiglio Comunale e di maggioranza, sceneggiatrice e script analyst per la Medusa-RTI Mediaset, autrice di numerose opere teatrali e regista, direttore del Centro Poesia di Roma, ha pubblicato diverse opere di narrativa, teatrali e di poesia tra le quali “Sradicherei l’albero intero”e “Le carte volano”.

Hanno detto di lei:

“Serena Maffia scrive ciò che vede e dipinge ciò che sente”. (Dario Fo)

“Oltre ad essere bella e dolce e intelligente, e quindi odiata da tutti, Serena Maffìa ha talento”. (Luciano De Crescenzo)

“Serena Maffìa è strana, giovane e saggia, tutto nella sua poesia emana una inaspettata fosforescenza”. (Maria Luisa Spaziani)

 

Tratto dal libro “Blu”:

HO BISOGNO DI UN ARCOBALENO

 

Ho bisogno di un arcobaleno
ho bisogno di un cielo
di un uomo saggio
di una preghiera
di una mano soltanto
del suo calore accanto
che la serenità mi culli
arresa alle brutalità del forte
mi sento acqua che trabocca
che scolora il petto
l’angoscia del presentimento
l’amore che non basta a fare il meglio
che la felicità mi avvolga
anche i bambini dovrebbero scegliere
contro la brutalità dei padri non c’è ancora rimedio
figlia che oggi piangi, domani sarai donna
figlia che oggi subisci perdonami l’angoscia e lo sconforto degli
alberi
andiamo un po’ più in là dove la pioggia ci accoglie
lasciamoci portare via dal fiume
in una radura incontaminata.

Serena Maffia

Appuntamento a San Ginesio (MC) per la Giornata Mondiale della Poesia

L’Associazione Culturale “San Ginesio”, il Centro di Lettura “Arturo Piatti” e l’Istituto di Istruzione Superiore “Alberico Gentili” di San Ginesio, con il Patrocinio del Comune di San Ginesio (MC), Lunedì 21 Marzo 2016, alle ore 10.00, presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Alberico Gentili” di  San Ginesio (MC), presentano: “Giornata Mondiale della Poesia”.

Interverranno: Gli studenti delle Classi Quarte e Quinte del Liceo di Scienze Umane e del Liceo Linguistico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alberico Gentili” di San Ginesio, gli Attori della Compagnia Teatrale “San Ginesio” Alba Piatti, Rita Bompadre e l’operatore culturale Matteo Marangoni.

locandina poesia scuole 2016 (1)

“Il Marchese del Grillo” proiettato a Frosinone per omaggiare il Maestro Mario Monicelli

Il 10 Novembre 2015, alle ore 21.00, presso il Multisala Sisto di Frosinone, si terrà la quarta edizione de “Il Cinema e la memoria”, rassegna cinematografica ideata da Amedeo di Sora e Gerry Guida. Dopo le precedenti edizioni di successo, dedicate alla grande stagione della Commedia all’italiana, Vittorio De Sica e Alberto Sordi, che hanno visto la partecipazione di illustri ospiti come Lino Capolicchio, Manuel De Sica, Alfio Contini, Tonino Valerii, Maria Pia Casilio, Federico Savina, Ernesto G. Laura, quest’anno è la volta dell’omaggio al grande regista Mario Monicelli, in occasione del centenario dalla nascita. Per l’occasione verrà proiettato Il marchese del grillo e interverrà, come ospite d’onore, il direttore della fotografia Sergio D’Offizi, storico collaboratore di Alberto Sordi, che proprio per Il Marchese del grillo ottenne una nomination ai David di Donatello. L’iniziativa è organizzata in stretta collaborazione con il Multisala Sisto nella persona di Roberto Cipriani e la Cineteca Nazionale di Roma e si avvale dell’apporto  delle associazioni Compagnia Teatro dell’Appeso, Cine@rte, Frusna Bene Comune. Ingresso libero.

Stampa