“Mu”, opera poetica d’esordio di Nunzio Di Sarno

Segnalazione di Lorenzo Spurio

È di recente pubblicazione il volume dal titolo monosillabico Mu (2020) di Nunzio Di Sarno pubblicato per i tipi della Oedipus Edizioni. L’autore, come dà di conto la breve nota biografica d’accompagnamento, è nato nel capoluogo partenopeo dove si è laureato in Lingue e Letterature Straniere discutendo una tesi di laurea sul pittore futurista (ma non solo) Arnaldo Ginna (1890-1982) e le connessioni tra astrattismo e spiritualismo. Ha lavorato come operatore sociale, mediatore culturale, insegnante di italiano L2, di sostegno e di inglese. Da alcuni anni risiede a Firenze, dove insegna. Nel corso di quest’anni si è laureato in Psicologica clinica e della riabilitazione con una tesi su Yoga, Tai Chi e mindfulness come terapie complementari nella malattia di Parkinson.

Mu è la sua opera d’esordio mentre varie poesie e articoli sono già stati pubblicati su vari siti e blog letterari. L’esordio del volume – necessario per comprendere il riferimento e il significato dell’anomala titolazione del libro – è consegnato ad alcune espressioni di un koan zen che recitano: «Un monaco chiese a Joshu: “Un cane ha la natura di Buddha?” / Joshu rispose: “Mu”».

Il concetto di “mu” ha in sé la capacità di saper contenere e coniugare le forme antipolari rappresentate dagli opposti comuni e permetterebbe di trascenderli con un atteggiamento automatico, privo del ragionamento. Come ha avuto modo di avvertire lo stesso Autore, «Il koan ci mostra la strada che si fa traccia e mappa. Una mappa che si mantiene giusto per il passaggio e le luci che durano sono le realizzazioni, in balia dell’amore e l’amicizia, delle droghe, dell’alcool e delle meditazioni, della malattia, della morte e della disciplina, in seno alle famiglie “vecchie, nuove e ritrovate”».

Questo volume, per come l’Autore l’ha concepito, si presta a una varietà di risposte e accoglimenti da parte dell’ipotizzabile pubblico, infatti, come è stato osservato, «Qui il lettore non può restare sulla soglia a guardare, è chiamato ad aprirsi ed immergersi per sentire su di sé, sposando i ritmi per ritrovarsi a pezzi. Unico sentiero per accedere alle forme nuove».

A continuazione un testo estratto dalla raccolta:

Poesia

Il tempo trascorso nel dolore

A portare in giro la carcassa

È valso a sentire i limiti

E a intonare i lamenti

Per farne un canto

Vestire i panni del docente

Per sopportarne l’indecenza

Bruciando l’idiozia di stato

Negli abbracci dei Down

Correre nel tremore

Dei muscoli consumati

Trovare un cesso sicuro

Per svuotarmi le viscere

La pelle attaccata alle ossa

Fa risuonare il mondo intorno

E piano ne sfuma il contorno

Il vuoto a fatica trovato

Si riempie d’inutili macerie

Pur sempre carne

Residui di vite indistinti

Vorticanti nell’inappagabile

Cercano affannandosi

Briciole di pace e felicità

La colite dei secondini

Il reflusso degli scrutatori

È la colla rancida che

Tutto mantiene

Faccio la spola blue

Tra casa e scuola

In giro tra marmi animati

E musica d’appendice

Il vino al ritorno

È il compagno

Che accorcia

L’attesa per la cura

Ma la cura è la Vita

Che taumaturgica tace

Come vuoto che riempie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.