La madre di un mostro di Bruno Previtali

La madre di un mostro

di BRUNO PREVITALI

Editore BookSprint – 12/2011 www.booksprintedizioni.it

Pagine 120

Prezzo € 13,10

ISBN 9788865957189

http://www.booksprintedizioni.it/vbs/thumb.aspx?f=/public/libri/copertina_bruno_previtali.jpg&w=200&c=100Municipio di Squarti, 8 marzo 1953. La madre del mostro riceve dal sindaco la notizia della morte del figlio. Costanza, che ha sofferto per le atrocità commesse, rifiuta di dargli sepoltura … Venanzio è nato con la testa più grande del normale, è cresciuto in assenza di educazione e con un padre che lo abbandonerà. Il rapporto morboso con la madre sfocia nelle angherie e nelle violenze anche verso di lei. Venanzio però ha bisogno di altre prede e va in cerca di donne. Ne ucciderà tre, con le stesse modalità: prima la violenza sessuale, poi lo strangolamento e lo scempio, e infine l’asportazione del pube, che ogni volta dona come trofeo alla propria madre, la quale nasconde le prove delle atrocità. Venanzio finge di aver placato la propria bestialità. In lui emerge una doppia personalità, la seconda, “cattiva”, lo spinge a provare ad agganciare anche sua cugina. La assale, ma lei riesce a fuggire e un contadino lì vicino dà l’allarme. Venanzio si dà alla fuga. Si rifugia dal prete, sperando in una sua protezione, ma viene invitato a costituirsi. Braccato dai parenti delle vittime si arrende. Nel processo si mostra insensibile e cinico. Tutti lo vorrebbero morto, ma viene condannato al carcere duro a vita … Costanza, dunque, non vuole seppellirlo. Ma la verità è più profonda. È stata lei a uccidere indirettamente il figlio per mezzo del prete, inconsapevole, che lo visitava in carcere. Ma nessuno lo scoprirà né saprà mai. Costanza, ormai chiusa nel proprio mondo, fa sparire quelle infamanti prove (i pube delle donne) della sua connivenza alle atrocità del figlio, e si da la morte con …  

Bruno Previtali

Via Carabello Poma, 4

24040 Suisio BG

Tel. 035902497

e-mail: previtali.b@alice.it 

web: www.previtali-b.com  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.