Multatuli, chi è costui?

Passeggiando per le varie stradine lungo canale e per i ponti che contraddistinguono il centro di Amsterdam, in prossimità del canale di Singel, ho attraversato il ponte Torensluis, particolarmente esteso e ho trovato una statua per niente convenzionale di un certo Multatuli.  La statua ritraeva il volto di un signore abbastanza anziano e la porzione superiore del suo corpo. Aveva dei capelli abbastanza lunghi e portati all’indietro, dei baffi curati ed era vestito in maniera distinta. Sembrava un uomo d’altri tempi. Un uomo del secolo passato.

Non seppi di chi si trattava ma ipotizzai che si trattasse di un personaggio rilevante, per lo meno per la cultura olandese poiché la statua era stata posta in una posizione particolare, mirando i canali dinanzi e, per la sua strana conformazione, attirava un gran numero di turisti che, al pari di me, cominciarono ad immortalarla.
L’iscrizione alla base della suddetta statua, in colore oro, recitava Multatuli, un nome abbastanza divertente e che non fu in grado di richiamare un gran che nella mia mente. Poteva trattarsi di un politico olandese ottocentesco, di un militare durante la seconda guerra mondiale o addirittura di un capo di una rivolta contadina.
Una volta a casa, cercai di documentarmi sul signore in questione.  La prima cosa che scoprii fu che il nome Multatuli non era altro che un soprannome che era stato dato a un certo Eduard Douwes Dekker, il tizio della statua per l’appunto. La dicitura Multatuli era di derivazione latina e significava “ho sopportato molte cose” o “molto soffersi” ed era un chiaro riferimento a un famoso passaggio dei Tristia di Ovidio.  Si trattava dunque di un personaggio remissivo che era stato costretto a sopportare situazioni gravose.
Eduard Douwes Dekker nacque ad Amsterdam nel 1820 e morì in Germania nel 1887. Fu un importante scrittore oltre ad essere funzionario governativo olandese. La sua opera maggiormente nota è il romanzo satirico Max Havelaar pubblicato nel 1860 nel quale denunciava gli aspetti negativi del colonialismo olandese che conobbe direttamente durante gli anni che trascorse in Indonesia (al tempo Indie Orientali olandesi) per il suo ruolo diplomatico.
Viene ricordato anche per il suo difficile rapporto con la gestione di denaro e ricchezze, per essere stato dedito al gioco d’azzardo, per i suoi ingenti debiti e per la frequentazione di numerose donne al di fuori del suo matrimonio.
Dunque una statua posta per celebrare non un eroe nazionale, un difensore del paese ma un letterato olandese che fu anche funzionario amministrativo in una colonia olandese nel corso dell’Ottocento. Un personaggio che denunciò i soprusi e le violenze sulle popolazioni indigene di una colonia formalmente di proprietà nederlandese.

13-01-2011
Lorenzo Spurio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.