L’universo delle lingue: Alla scoperta del walser

Questo articolo scritto da Massimo Acciai è stato già pubblicato sulla rivista Segreti di Pulcinella (www.segretidipulcinella.it), nr. 32, Dicembre 2010 e viene qui riproposto su concessione dell’autore.

Abbiamo parlato, un precedente approfondimento sulle lingue minoritarie presenti sul territorio italiano, del “sappadino”; vediamo adesso un altro idioma (anzi, un insieme di varianti) riconducibile all’antica lingua germanica: il walser…

Parlato in ben cinque nazioni europee (Italia, Svizzera, Francia, Austria e Liechtenstein), nel nostro paese è presente in due regioni: il Piemonte (lo abbiamo nominato parlando del piemontese) e la Valle d’Aosta, per un totale di circa 3500 parlanti. Ricordiamo anche che il walser è tutelato in Italia dalla legge 482 del 1999.
Vediamo innanzitutto l’origine di questo nome un po’ curioso, che nulla ha a che vedere con la nota danza in tempo ternario; “walser” viene da “walliser”, ossia “vallesano”; luogo di partenza delle migrazioni, avvenute a partire dal ‘200, è infatti il cantone Vallese, in Svizzera. La cultura walser si è quindi diffusa nel medioevo portando con sé le tipiche pittoresche costruzioni, i costumi, le tradizioni e naturalmente la lingua (nelle sue varianti).

Come tutte le lingue rimaste a lungo isolate (nel caso del walser, nelle vallate alpine rese impraticabili dai ghiacci per buona parte dell’anno) sono molti i caratteri arcaici e la differenziazione in molte varianti locali (pare che quella più “pura” sia quella di Gressoney); tutte le varianti sono molto simili, com’è logico aspettarsi, allo svizzero tedesco più arcaico.
Tramandato per molto tempo esclusivamente per via orale, ha trovato una prima forma scritta solo nel ‘700, soprattutto grazie alla chiesa cattolica (tra i primi documenti in questa lingua vi sono i manoscritti dei parroci; ricordiamo anche un piccolo catechismo stampato nel 1839); la tradizione orale è rimasta comunque viva.
Per chi fosse interessato ad apprendere la lingua, o comunque a saperne di più, rimandiamo ad un link alla fine di questo articolo; molti sono i progetti di recupero e valorizzazione del walser (ormai sono pochi i giovani in grado di parlarlo, dal momento che non è lingua usata nelle scuole), e naturalmente non mancano dizionari e grammatiche rivolte a grandi e piccini. 

Libri sui walser: http://www.walseritaliani.it/volumi/libri%20gen.htm 


MASSIMO ACCIAI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.