“Semplicemente poesia” di Donatella Ronchi, recensione a cura di Lorenzo Spurio

Semplicemente… poesia

di Donatella Ronchi

Carmann Editore, 2011

 

Recensione a cura di Lorenzo Spurio

 

Difficile inserire Semplicemente…poesia di Donatella Ronchi in un particolare genere; il libro, infatti, è una fine raccolta di poesie prevalentemente a tema amoroso ma è anche la trascrizione di un’agenda, una sorta di diario segreto con il quale la poetessa ci rende partecipe di momenti e vicende che ha vissuto direttamente sulla sua pelle. Con questo testo la Ronchi abbandona dunque il velo di segretezza e pudicizia nei confronti del suo vissuto, che caratterizza ciascuno di noi, per farsi conoscere, per mettere ciascuna cosa nero su bianco. Lei stessa osserva nella nota di quarta di copertina “ho deciso di aprire il cassetto dei sogni ove il quaderno era riposto per trasformarne, almeno uno, in realtà”. E’ in questo senso una sorta di testamento spirituale della poetessa o, meglio, una sorta di parziale biografia poetica.

Osservando semplicemente il testo che contiene le varie liriche ci si rende conto, dalla loro data (che copre un periodo di tempo che va dal maggio 1977 al gennaio 2011) quanto un libricino dalla dimensioni così ridotte contenga, al contrario, una grande quantità di momenti, vicende e sensazioni vissute in un arco temporale abbastanza esteso. Ci sono però, al pari di un romanzo, delle ellissi: dal 1982 si passa al 2009, quasi che viene da pensare che la poetessa non abbia scritto nulla in quel periodo intermedio o che, al contrario, ha preferito non inserire in questa silloge le poesie scritte in quegli anni e di aver fatto quindi una vera e propria cernita.

La poetica della Ronchi è istintiva e gestuale: “scrivo quello che mi entra in testa;/ racconto un’emozione dell’anima/ per poter morire in confusione” (in 14 maggio 1997, pag. 5). Nell’intera silloge la Ronchi ripropone spesso il concetto e l’idea di “anima”, spesso in contrasto con il “corpo” per sottolineare, forse, quanto le due componenti possono convivere o, al contrario scindersi in due entità completamente separate. Nella poesia “3 ottobre 1979” la Ronchi scrive:  “Prova una volta, una sola volta/ ad entrare in lei con la tua anima/ e non con il tuo solito sesso/” (pag. 12). L’anima che la Ronchi va richiamando, costituendo quasi una vera e propria isotopia, è un qualcosa che, pur essendo incorporeo, fumoso, astratto, finisce però per essere alquanto materiale e vivido e per acquisire caratteristiche proprie di qualcosa d’organico (“l’odore rivoltante della mia anima” in “23 dicembre 1977”, pag. 6).

Il linguaggio impiegato, semplice, chiaro e facilmente fruibile da chiunque non manca di riferirsi a una serie di antinomie e contrasti (essere-vivere, amare-odiare, amore-dolore,) per richiamare, forse, la complessità e la varietà delle possibilità umane e, allo stesso tempo, l’imprescindibilità che una scelta, di fatto, finisce per escludere l’altra. Nel complesso l’intera silloge è pervasa dall’idea dell’amore visto secondo varie prospettive. La Ronchi parla di amore in termini alti, come legame spirituale e trascendente, nel senso che si eleva al di là di ciascuna cosa del reale. Più che poesie d’amore o celebrative dell’amato/a sono, però, riflessioni sulla vita e l’amore, inviti a fare o a non fare qualcosa, esortazioni.

Le poesie della seconda fase, che rivelano un arricchimento lessico, riprendono il tema dell’anima e l’importanza dell’amore, non mancando però di guardare, con un po’ di nostalgia al passato come avviene nella liriche “Amiche – novembre 2010” (pag. 24) e in “Ad una amica” (pag.33) in cui la Ronchi, ricordando dei momenti d’infanzia, celebra una sua cara amica scomparsa.

Sfogliando lentamente le pagine di questo minuscolo libro  riusciamo a sentire il freddo, il gelo, il vento, l’autunno “quando l’autunno era ancora stagione vera” (in “Ad un’amica” pag. 33) che la Ronchi ci descrive. Paradossalmente, la raccolta non ha niente di algido e si configura come un elogio alla vita e un’esaltazione dell’amore.

a cura di Lorenzo Spurio

E’ SEVERAMENTE VIETATA LA RIPRODUZIONE O DIFFUSIONE DI STRALCI O DELL’INTERA RECENSIONE SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTORE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.