Pazienti smarriti di Maria Rosaria Pugliese (2010)

Pazienti smarriti di Maria Rosaria Pugliese

Robin Edizioni, Roma,2010

Recensione di Lorenzo Spurio

Maria Rosaria Pugliese, scrittrice napoletana, con Pazienti smarriti propone una storia tragicamente realistica descritta in maniera vivida, e che non cade mai nel banale, inserendo un vissuto familiare all’interno di una più ampia cornice storica e sociale. Quando una malattia molto grave affligge una persona, a soffrirne, come sostengono i medici,  non è solo il malato ma, secondo un processo di osmosi o di diffusione capillare, l’intera famiglia. E’ ciò che avviene in questo interessante romanzo che, in una certa misura, mi ha fatto pensare a un film con Meryl Streep di qualche anno fa, One True Thing, tradotto in Italia La voce dell’amore. Ovviamente non vuole essere un parallelismo: le due storie sono molto diverse ma, leggendo il romanzo, questa è l’immagine che nella mia mente è stata evocata.

Nella prima parte l’autrice gioca con un interessante ossimoro: il giardino fresco e variopinto della casa del Cilento, descritto come una sorta di Eden e ricco di vita, contrasta infatti con la malattia del fratello che angoscia anche gli altri membri della famiglia, come fosse una pianta di edera che si aggrappa alle altre piante strozzandole e soffocandole. La narratrice osserva infatti: «Tu stai male e io penso alle piante» (6).

La Pugliese però è un’attenta compagna di viaggio nel fornirci anche le coordinate storiche attorno alle quali la storia si dipana: il maledetto 11 settembre 2001 (il terrorismo islamico metafora, secondo Oriana Fallaci, del cancro che minava il suo corpo), riferimenti alla seconda guerra mondiale (il bombardamento di Pescara, nel 1943), il boom economico (1958-1963), quando possedere un frigorifero era prezioso come possedere una reliquia, il periodo in cui «si votava Democrazia Cristiana» (59), il terremoto dell’Irpinia del 1980 e la strage di Nassiriya del 2003.

Ma la storia è molto di più. La malattia è investigata e studiata attentamente nelle sue varie fasi sia sotto un punto di vista medico-clinico che affettivo. La narratrice disquisisce sul valore della vita, la sua importanza. La buona salute è per noi un dato di fatto, un qualcosa che è presente in maniera scontata ma ci è stato sempre insegnato che non c’è mai niente di scontato quando si parla del corpo umano. E così il pensiero tragico ma altamente realista della scrittrice si condensa in queste frasi: «La buona salute è qualcosa che, fino a quando c’è, si dà per scontato così come è scontato il fatto che, girando la chiave nel rubinetto, sbocca acqua corrente o che, non appena sfioriamo l’interruttore, veniamo investiti dalla luce. Se però improvvisamente si rimane a secco o al buio e il consueto tran tran si blocca, allora, solo allora ci si rende conto dell’importanza di cose considerate ovvie (8-9).

E così viene narrata  la metamorfosi di una famiglia qualsiasi che potrebbe essere quella di ciascuno di noi, una volta che uno dei suoi esponenti scopre un grave  malattia, che rivela ben presto la fallimentarietà di ogni tipo di cura. Perché il Male a volte è più forte del Bene. Quello fisico però, non quello interiore come mostra il romanzo. E così in queste condizioni Ettore ritorna a casa ma la malattia non è stata debellata, attorno a lui la moglie, le sue due figlie e la sorella, attente e premurose, sofferenti di nascosto che lui definisce “l’esercito della salvezza”.

E’ affascinante la rievocazione di pillole di ricordi che la protagonista fa, della sua infanzia vissuta assieme al fratello sempre amato, alla società di allora, ai loro giochi e a quell’età felice e spensierata oramai persa. La scrittrice mescola il presente difficile dominato dalla traumatica malattia del fratello e il passato felice, spensierato. Questo mix di epoche temporali diverse ci fornisce, in maniera dolce, informazioni precise sul substrato e l’origine di quella famiglia, di quei due fratelli tanto uniti.

La seconda parte del romanzo porta il titolo “Pazienti smarriti” che poi è il titolo dell’intero romanzo e sottolinea come, di pari passo all’irreversibilità delle gravi condizioni di Ettore, ci sia un velato disinteresse della equipe medica, pronta ad assolvere ai suoi doveri ma distante e fredda dal punto di vista umano. La terza ed ultima parte è intitolata “Al mio paziente più paziente” e segue gli ultimi mesi di vita di Ettore.

Quello che più colpisce di questa narrazione è la grande espressività delle scene, la vivezza delle sensazioni che la Pugliese riesce a farci sentire sottopelle, facendoci immedesimare non solo  con il protagonista ma con i suoi congiunti che si consumano giorno dopo giorno assieme ad Ettore. Sono tutti personaggi forti: Ettore è sempre in grado di dispensare agli altri dei sorrisi nonostante le sofferenze, gli altri sono risoluti, compatti e fiduciosi, sperano sempre in una guarigione. I personaggi non piangono, non si lasciano andare a comportamenti distruttivi né vittimistici ma combattono coesi questa battaglia spietata. Ma come la vita insegna non è sempre il Bene a vincere. I miei più vivi complimenti vanno alla Pugliese per la sua grande capacità narrativa di rappresentare scene drammatiche e desolanti dominate dalla minaccia di una malattia inguaribile, proponendo un fedele riflesso di dolorosi squarci di vita familiare.

MARIA ROSARIA PUGLIESE è laureata in Economia e Commercio e per trent’anni ha lavorato in un istituto bancario. Come autrice ha collaborato all’antologia La gola (Giulio Perrone Editore, 2008) e alla Enciclopedia degli scrittori inesistenti (Boopen LED, 2009). Alcuni dei suoi racconti sono stati pubblicati sul quotidiano Roma e sul portale web http://www.viaggi.corriere.it. Pazienti Smarriti è stato semifinalista al concorso What Women Write indetto dalla Mondadori nel 2009.

LORENZO SPURIO

11 Luglio 2011

E’ VIETATA LA RIPRODUZIONE E LA DIFFUSIONE DI STRALCI O DELL’INTERA RECENSIONE SENZA IL PERMESSO DELL’AUTORE.

4 pensieri su “Pazienti smarriti di Maria Rosaria Pugliese (2010)

  1. Tutto è raccontato in modo lieve , discreto, come un accompagnare il lettore per mano, mettendolo a conoscenza del percorso difficile ed infausto senza mai travolgerlo con angoscianti visione nonostante l’atmosfera maligna ed infausta . Il messaggio è chiaro ed incoraggiante: la vita è bella e va vissuta nella sua interezza senza riserve e remore alcuna

    "Mi piace"

  2. Pingback: Pazienti smarriti, intervista a Maria Rosaria Pugliese | blogletteratura

  3. Pingback: E’ uscito il nuovo numero della rivista Segreti di Pulcinella | blogletteratura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.