“Un dono dal cielo” di Ariel & Robin, recensione di Anna Maria Folchini Stabile

“Un dono dal cielo”

di Ariel & Robin 

Piero Macchione Editore – 2011

Recensione a cura di Anna Maria Folchini-Stabile, poetessa e scrittrice

 

“ DUCUNT VOLENTEM FATA NOLENTEM TRAHUNT ”.

Questa è la frase finale che chiude il romanzo “Un dono dal cielo” che ha come autori i protagonisti della storia i quali, celandosi dietro nomi fittizi, si raccontano sviluppando l’idea che niente nella vita è dovuto al caso, ma Altri ne tira le fila, anche quando niente lo lascia supporre.

E qui inizia il mio commento a una storia che esalta l’idea che ogni essere umano ha un suo destino e può tentare di sfuggirvi, può perfino costruirsi un’esistenza adattandosi e facendo proprio ogni genere di condizionamento, ma alla fine, inspiegabilmente, il Destino rimescolerà le carte e tutto tornerà come avrebbe dovuto essere fin dall’inizio, con la pace riconquistata e il sollievo di poter pensare che la lunga battaglia è finita.

La trama è semplice.

Due giovani si incontrano, si amano e sanno di essere ciascuno per l’altro la sempre agognata metà della mela, ma per motivi imprevisti si lasciano e percorrono strade di vita differenti.

Il racconto, a due voci in controcanto, descrive le difficoltà e i dolori che ognuno di loro è costretto a vivere, vicinissimi geograficamente e senza mai incontrarsi, per un tempo lunghissimo che li vede divisi, estranei, con professioni, famiglie  e impegni propri affrontati con responsabilità e serietà.

Ma…

C’è un ma…

Nell’età della maturità, entrambi si trovano nuovamente a un bivio: rassegnarsi a una vita spenta e solitaria o ricercare e accettare l’altro creduto perduto per sempre?

“ FORTUNA AUDACES  IUVAT “

Il Fato o il coraggio e la voglia di vivere guidano le scelte e aiutano i protagonisti a ricominciare il gioco della vita.

Che senso ha scrivere e leggere una storia come questa in un’epoca come la nostra, caratterizzata dal “carpe diem” egoistico e superficiale?

Me lo sono chiesto e non ho che una risposta: la vita è misteriosamente affascinante e ogni età ha la sua bellezza.

Per chi vive con onestà, serietà e con un poco di audacia, giusto quel tanto che serve a sentirsi protagonisti senza inutili rassegnazioni e rimpianti, ogni momento nasconde sorprese.

L’amore è il filo conduttore della storia narrata, il destino ( o la Provvidenza?) guida le scelte e suggerisce le azioni grazie alle quali il premio finale è la felicità.

E per chi, come me, crede che i sogni prima o poi si realizzano, questo racconto ne è la prova.

 

Anna Maria Folchini Stabile

Angera, 27 settembre 2012

 

QUESTA RECENSIONE VIENE PUBBLICATA SU GENTILE CONCESSIONE DELL’AUTRICE. E’ SEVERAMENTE VIETATO DIFFONDERE E/O PUBBLICARE LA PRESENTE RECENSIONE IN FORMATO INTEGRALE O DI STRALCI SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTRICE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.