“La scorciatoia”, racconto di Fiorella Carcereri

LA SCORCIATOIA
racconto di FIORELLA CARCERERI

Quando mi ha sorriso ho perso la speranza. Non subito. Ma quasi. Riconoscevo quegli occhi, li avevo già visti troppe volte addosso a facce identiche alla sua. Persino le sue labbra piegate all’insù mi erano familiari. E il tono della voce, quasi incrinato dalla spasmodica ricerca di una personalità che, alla resa dei conti, poteva dirsi originale come l’annuncio di un’offerta speciale ripetuto dagli altoparlanti del supermercato. Ecco, proprio quella era l’unica cosa che le mancava. Un’etichetta con il codice a barre stampata sulla fronte: in alto il prezzo e, subito sotto, le istruzioni per l’uso del corpo. Un corpo talmente abituato a piegare le sue emozioni alla convenienza del momento da conservare ben poco di umano.
Ero stato interpellato, come avveniva abitualmente già da un po’ di tempo, per la messa a punto del sistema informatico dell’agenzia “Nuovi talenti”. L’andirivieni di ragazze poco vestite nelle sale dei casting, e talvolta anche negli uffici, non era una novità per me. Ma nessuna tra le centinaia che avevo visto passare fino a quella mattina mi aveva colpito in modo particolare. Troppo superficiali, troppo evanescenti…
Lei però sembrava diversa. I nostri sguardi si erano incrociati per puro caso, lei mi aveva fissato per un attimo incuriosita, con un’espressione buffa da ragazzina acqua e sapone. Per una frazione di secondo pensai che forse avrei dovuto ricredermi e che i miracoli possono ancora accadere. E invece no. Il sorriso che venne subito dopo, quel modo di gesticolare studiato ed innaturale, quella voce da gatta morta lasciavano ben poco spazio a romantiche immaginazioni. Eppure, avrà avuto sì o no diciannove anni…
La seguii con lo sguardo, senza farmi notare, per tutta la mattina. Volevo avere la certezza matematica di che tipo di ragazza fosse e la ebbi.
La vidi dapprima posare per il fotografo per un calendario o qualcosa del genere. Addosso aveva poco, quasi nulla per la verità. Ad un tratto, quel tizio, che avrebbe potuto tranquillamente essere suo padre, le si avvicinò per suggerirle all’orecchio pose più piccanti e provai un forte senso di nausea quando mi resi conto che lei si stava facendo toccare ovunque, anche dove non sarebbe stato necessario.
Già, era consapevole di avere un’arma eccezionale da sfruttare: il suo corpo stupendo. Quel corpo le avrebbe consentito di arrivare dappertutto o, per lo meno, dove sognava lei. Ma il prezzo era, e lo aveva imparato in fretta, quello di chiudere sotto chiave e nascondere in un posto sicuro tutte le possibili tracce di sentimenti, emozioni e debolezze. Il suo era un gioco duro, ma la concorrenza era agguerrita e non faceva sconti. Se ci fosse cascata, anche una sola volta, sarebbe stata sbattuta fuori dal giro e agli scopritori di “talenti” sarebbe bastato un attimo per rimpiazzarla. Ma lei era ambiziosa, cinica e determinata. Nel momento esatto in cui si era presentata al primo provino, e doveva averne fatti parecchi a giudicare da come sapeva muoversi, aveva lasciato alle spalle ogni remora sentimentale e morale. Senza mettere spudoratamente in vendita il suo corpo con le istruzioni per l’uso stampate in fronte, magari avrebbe potuto ugualmente raggiungere il successo. Ma ci sarebbe voluto più tempo. E lei aveva fretta e quella era l’unica scorciatoia possibile.
Verso le dodici, mentre stavo salendo sul mio furgone per una breve pausa pranzo, visto che sarei dovuto rientrare nel pomeriggio ad ultimare il lavoro, la vidi uscire a braccetto con il titolare dell’agenzia, un individuo senza scrupoli e non certo morigerato, come tutti del resto in quell’ambiente. Era un settantenne grasso, stempiato e ripugnante, che emanava, indipendentemente dalla stagione, un penetrante odore di sudore. Ma era lui, e solo lui, la chiave d’accesso al mondo in cui quella ragazza in vendita aveva deciso di entrare. Salirono sul suo potente SUV e scomparirono ad alta velocità.
Alle due ritornai al lavoro. Mentre stavo resettando un computer negli uffici della presidenza sentii per caso una conversazione tra la segretaria del titolare ed il fotografo.
“Mi serve la ragazza per rifare alcuni scatti”.
“Te l’ho già detto, ha il cellulare spento…”
“Allora chiedi al titolare come mi devo comportare, io ho delle scadenze da rispettare!”
“Purtroppo, anche il dottore ha il telefono staccato. Sono usciti insieme a pranzo e non sono più riuscita a rintracciarli…”.
Molto probabilmente, quell’angelo perverso stava, ancora una volta, concedendo al potente di turno l’uso del suo corpo, languidamente distesa sul letto di una stanza d’albergo a cinque stelle.

QUESTO RACCONTO VIENE PUBBLICATO SU QUESTO SPAZIO PER GENTILE CONCESSIONE DELL’AUTRICE.
E’ SEVERAMENTE VIETATO DIFFONDERE E PUBBLICARE IL PRESENTE RACCONTO IN FORMATO INTEGRALE O DI STRALCI SENZA IL PERMESSO DA PARTE DELL’AUTRICE.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.