Ninnj Di Stefano Busà su La parola di seta di Lorenzo Spurio

Ninnj Di Stefano Busà su La parola di seta di Lorenzo Spurio

PoetiKanten Edizioni, Sesto Fiorentino, 2015

cover frontLa Poesia non è aria fritta, non macera idiozie, né elabora il vuoto, non conta le mosche sul miele e neppure ci risulta ossessionata dall’inutile attraversamento dei sensi, semmai sono i sensi che, proiettandosi nel territorio della poesia, la creano. Questo avviene per il semplice fatto che vi s’instaura un meccanismo osmotico tra il sé e l’altro da sé: l’osmosi avviene per empatia, s’innesca una sorta di visione dell’assoluto che si fa metafora ed essenza, quasi privilegio orfico, presenza del Divino, monade…Questo breve preludio sulla Poesia era necessario per introdurre un lavoro di tutto rispetto, a cura di Lorenzo Spurio che riporta numerose interviste di taluni tra i massimi esponenti più accreditati del panorama contemporaneo. Un bel tomo quello uscito per i tipo di Poetikanten Edizioni, collana decifrazioni: La parola di seta. Diciamo subito che nel gruppo selezionato non vi sono apprendisti, si tratta di autori di rilevanza internazionale che la sanno lunga sulla Poesia, la sanno spiegare, dare delle motivazioni possibili sul tema da sempre considerato il mistero lirico/ispirativo per eccellenza. Vi sono presenti nomi di eccellenza e di spicco. Il volume porta la prefazione di Sandro Gros-Pietro e la postfazione di Amedeo Di Sora, corredato da una pregiata introduzione di Lorenzo Spurio: un nome che si sta facendo molto spazio nell’agone di oggi per i innumerevoli e impegnativi progetti a favore della Cultura che conta; programmi d’indiscutibile valore esegetico in un periodo che di valori autentici è latitante. Lorenzo Spurio si è assunto l’impegno di in resoconto social-culturale d’ampio respiro, nel quale la forza dell’umanesimo intellettuale è necessaria per imprimere quell’intento motivazionale di crescita e di testimonial alle nuove generazioni. Anche l’ autore e curatore del progetto culturale è relativamente giovane, ma ha già le idee chiare su cosa e su come indirizzare eventuali suggerimenti e ammaestramenti generazionali. È un volume che dovrebbe essere adottato nelle scuole per diffondere il verbo lirico alle prossime generazioni con le significazioni portando alcune tra le massime personalità del momento storico di oggi. L’esegesi di poeti preparati culturalmente può spiegare in diverse forme il significato di Poesia. Attraverso le interviste di autorevoli fonti si può estrinsecare meglio il concetto delle forme poetiche, per riuscire a pervenire ad un giudizio più stringente, chiaro ed esplicativo su cosa s’intenda per poesia oggi, proprio nel nostro momento storico in cui tutto è demandato all’informatica, poiché ne risulta che il web e internet l’abbiano esautorato e messa un po’ ai margini la Poesia. Porla in luce, perciò, rimetterla in campo attraverso la voce di poeti importanti può fare la differenza.

Ninnj Di Stefano Busà

Milano, 12-02-2016

Annunci

Pubblicato da

Blog di Letteratura e Cultura

Lorenzo Spurio è nato a Jesi (AN) nel 1985. Si è laureato in Lingue e Letterature Moderne all’Università degli Studi di Perugia con una tesi sull’autore britannico Ian McEwan. Per la poesia ha pubblicato le sillogi Neoplasie civili (Agemina, Firenze, 2014), Le acque depresse (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016) e Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell’assenza per Federico Garcia Lorca (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016) ad ottanta anni dall’assassinio del poeta granadino. Ha curato varie antologie poetiche tra cui Borghi, città e periferie: l’antologia del dinamismo urbano (Agemina, Firenze, 2015), Convivio in versi. Mappatura democratica della poesia marchigiana (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016), Non uccidere. Caino e Abele dei nostri giorni (2017) e Adriatico: emozioni tra parole d’onde e sentimenti (Ass. Euterpe, Jesi, 2017). Numerose le sue poesie pubblicate in riviste, siti specializzati ed opere antologiche. Per la narrativa ha pubblicato le raccolte di racconti: Ritorno ad Ancona e altre storie (Lettere Animate, Martina Franca, 2012), La cucina arancione (TraccePerLaMeta, Sesto Calende, 2013) e L’opossum nell’armadio (PoetiKante, Sesto Fiorentino, 2015). 12072660_10207671469768160_3182675494180130792_nQuale critico letterario si è occupato prevalentemente di narrativa straniera; ha pubblicato: Jane Eyre, una rilettura contemporanea (Lulu, 2011), La metafora del giardino in letteratura (Faligi, Aosta, 2011), Flyte & Tallis: Una analisi ravvicinata di due grandi romanzi della letteratura inglese: Espiazione di Ian McEwan e Ritorno a Brideshead di Evelyn Waugh (Photocity, Pozzuoli, 2012), Ian McEwan: sesso e perversione (Photocity, Pozzuoli, 2014), Il sangue, no. L’aporia della vita in ‘La ballata di Adam Henry’ di Ian McEwan (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2015). Vari saggi letterari e suoi contributi sono presenti in collettanee, volumi antologici ed edizioni critiche, oltre a un cospicuo numero di prefazioni e note critiche ad autori contemporanei. Nel volume La parola di seta. Interviste ai poeti d’oggi (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2015) ha raccolto una serie di interviste fatte negli anni 2012-2015 ad esponenti di spicco della poesia italiana contemporanea mentre in Scritti marchigiani. Diapositive e istantanee letterarie (Le Mezzelane, Santa Maria Nuova, 2017) una raccolta di saggi, recensioni e note di approfondimento su autori della sua Regione. Nel 2011 ha fondato la rivista online di letteratura «Euterpe», aperiodico tematico di letteratura online. È Presidente della Associazione Culturale Euterpe, Fondatore e Presidente del Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” e Presidente di Giuria in vari premi letterari (“Città di Chieti”; “Città di Porto Recanati”; “Poesia senza confine”, etc.). Numerosi i premi e i riconoscimenti letterari ottenuti tra cui il 1° Premio al Concorso Letterario “Città di Ancona” (2016), il 1° Premio al Premio Letterario “Città di Latina” (2016), il 1° Premio al Premio Internazionale di Poesia “Antonia Pozzi” (2016) , il 2° Premio al Premio Letterario “Bari, Città Aperta” (2016), il 1° Premio al Concorso Letterario “Patrizia Brunetti” di Senigallia (2016),… Sulla sua produzione hanno scritto Dante Maffia, Giorgio Bàrberi Squarotti, Corrado Calabrò, Ugo Piscopo, Sandro Gros-Pietro, Antonio Spagnuolo, Umberto Vicaretti e altri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.