E’ uscito “Blu”, l’ultimo libro di poesie di Serena Maffia

 COMUNICATO STAMPA

Serena Maffia BLU Saya edizioni“Blu” di Serena Maffia è l’ultimo libro della poetessa-scrittrice, pubblicato da Marco Saya Edizioni.  Il volume è una raccolta di poesie che la Maffia ha composto ispirata dal suo essere madre, dal rapporto forte e profondo che ha con sua figlia Ginevra, anche se, come spiega lei stessa, “ogni madre ed ogni figlia possono riconoscersi in questi versi, perché è questo il bello della poesia: il suo essere universale”.  Ad un lettore attento non potrà sfuggire l’intensità di questi versi che rispecchiano le paure, ma anche la forza e le speranze di una donna che cresce da sola la sua bambina e nonostante tutto si impegna a farle notare tutte le cose belle che la vita ci regala. 

“Quando si parla di poesia si tende in genere a parlare di significati, se ne estrapola, in sostanza, il pensiero – scrive Claudio Damiani nella prefazione del libro – e nella poesia di Serena Maffia c’è pensiero nuovo”. Con una scrittura fluida, naturale, la Maffia mette su carta le sue esperienze di  bambina per raccontarle alla figlia e poi con lei, di nuovo, si diverte a giocare con penna e pennarelli colorati.  La positività di Serena Maffia emerge chiaramente sullo sfondo di questi versi, anche di quelli più forti e appassionati, quando sembra stia cedendo al destino e invece no, continua a combattere e sperare per amore della figlia: “mi piacerebbe gestire la luna / convincerla a darti risposte / …tu il cielo, io il gabbiano che ama il sereno/ figlia del mondo, figlia del bene”.

Leggere rilassa il corpo, ma attiva la mente, ha spiegato Serena Maffia, certo è diverso leggere un testo o i versi di una poesia. La poesia va letta più volte, è una metafora e la metafora si trasforma in un’immagine che entra a far parte delle esperienze a cui possiamo attingere nel corso della nostra vita. Colori, forme, vengono identificati dalla nostra mente ed entrano a far parte del nostro bagaglio di conoscenze. In questo senso leggere può arricchire: una delle grandi capacità di noi esseri umani è quella di poter apprendere dalle esperienze altrui, non solo da ciò che viviamo direttamente. “Io consiglio a tutti di avvicinarsi alla poesia, alla poesia buona – ha detto la Maffia –  provate, leggete e quando incontrerete i versi capaci di toccarvi l’anima capirete cosa intendo quando parlo di poesia buona”.

Serena Maffia è docente di comunicazione efficace, metodologia della progettazione, storytelling e public speaking allo IED di Roma. Studiosa di Scienze cognitive applicate alla letteratura, consulente di comunicazione e giornalista per la televisione inviata per Rai3, Rai Educational con la trasmissione GAP, su Italia1 con il programma Voglia, addetto stampa in Campidoglio del Presidente del Consiglio Comunale e di maggioranza, sceneggiatrice e script analyst per la Medusa-RTI Mediaset, autrice di numerose opere teatrali e regista, direttore del Centro Poesia di Roma, ha pubblicato diverse opere di narrativa, teatrali e di poesia tra le quali “Sradicherei l’albero intero”e “Le carte volano”.

Hanno detto di lei:

“Serena Maffia scrive ciò che vede e dipinge ciò che sente”. (Dario Fo)

“Oltre ad essere bella e dolce e intelligente, e quindi odiata da tutti, Serena Maffìa ha talento”. (Luciano De Crescenzo)

“Serena Maffìa è strana, giovane e saggia, tutto nella sua poesia emana una inaspettata fosforescenza”. (Maria Luisa Spaziani)

 

Tratto dal libro “Blu”:

HO BISOGNO DI UN ARCOBALENO

 

Ho bisogno di un arcobaleno
ho bisogno di un cielo
di un uomo saggio
di una preghiera
di una mano soltanto
del suo calore accanto
che la serenità mi culli
arresa alle brutalità del forte
mi sento acqua che trabocca
che scolora il petto
l’angoscia del presentimento
l’amore che non basta a fare il meglio
che la felicità mi avvolga
anche i bambini dovrebbero scegliere
contro la brutalità dei padri non c’è ancora rimedio
figlia che oggi piangi, domani sarai donna
figlia che oggi subisci perdonami l’angoscia e lo sconforto degli
alberi
andiamo un po’ più in là dove la pioggia ci accoglie
lasciamoci portare via dal fiume
in una radura incontaminata.

Serena Maffia

Annunci

Pubblicato da

Blog di Letteratura e Cultura

Lorenzo Spurio è nato a Jesi (AN) nel 1985. Si è laureato in Lingue e Letterature Moderne all’Università degli Studi di Perugia con una tesi sull’autore britannico Ian McEwan. Per la poesia ha pubblicato le sillogi Neoplasie civili (Agemina, Firenze, 2014), Le acque depresse (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016) e Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell’assenza per Federico Garcia Lorca (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016) ad ottanta anni dall’assassinio del poeta granadino. Ha curato varie antologie poetiche tra cui Borghi, città e periferie: l’antologia del dinamismo urbano (Agemina, Firenze, 2015), Convivio in versi. Mappatura democratica della poesia marchigiana (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2016), Non uccidere. Caino e Abele dei nostri giorni (2017) e Adriatico: emozioni tra parole d’onde e sentimenti (Ass. Euterpe, Jesi, 2017). Numerose le sue poesie pubblicate in riviste, siti specializzati ed opere antologiche. Per la narrativa ha pubblicato le raccolte di racconti: Ritorno ad Ancona e altre storie (Lettere Animate, Martina Franca, 2012), La cucina arancione (TraccePerLaMeta, Sesto Calende, 2013) e L’opossum nell’armadio (PoetiKante, Sesto Fiorentino, 2015). 12072660_10207671469768160_3182675494180130792_nQuale critico letterario si è occupato prevalentemente di narrativa straniera; ha pubblicato: Jane Eyre, una rilettura contemporanea (Lulu, 2011), La metafora del giardino in letteratura (Faligi, Aosta, 2011), Flyte & Tallis: Una analisi ravvicinata di due grandi romanzi della letteratura inglese: Espiazione di Ian McEwan e Ritorno a Brideshead di Evelyn Waugh (Photocity, Pozzuoli, 2012), Ian McEwan: sesso e perversione (Photocity, Pozzuoli, 2014), Il sangue, no. L’aporia della vita in ‘La ballata di Adam Henry’ di Ian McEwan (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2015). Vari saggi letterari e suoi contributi sono presenti in collettanee, volumi antologici ed edizioni critiche, oltre a un cospicuo numero di prefazioni e note critiche ad autori contemporanei. Nel volume La parola di seta. Interviste ai poeti d’oggi (PoetiKanten, Sesto Fiorentino, 2015) ha raccolto una serie di interviste fatte negli anni 2012-2015 ad esponenti di spicco della poesia italiana contemporanea mentre in Scritti marchigiani. Diapositive e istantanee letterarie (Le Mezzelane, Santa Maria Nuova, 2017) una raccolta di saggi, recensioni e note di approfondimento su autori della sua Regione. Nel 2011 ha fondato la rivista online di letteratura «Euterpe», aperiodico tematico di letteratura online. È Presidente della Associazione Culturale Euterpe, Fondatore e Presidente del Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” e Presidente di Giuria in vari premi letterari (“Città di Chieti”; “Città di Porto Recanati”; “Poesia senza confine”, etc.). Numerosi i premi e i riconoscimenti letterari ottenuti tra cui il 1° Premio al Concorso Letterario “Città di Ancona” (2016), il 1° Premio al Premio Letterario “Città di Latina” (2016), il 1° Premio al Premio Internazionale di Poesia “Antonia Pozzi” (2016) , il 2° Premio al Premio Letterario “Bari, Città Aperta” (2016), il 1° Premio al Concorso Letterario “Patrizia Brunetti” di Senigallia (2016),… Sulla sua produzione hanno scritto Dante Maffia, Giorgio Bàrberi Squarotti, Corrado Calabrò, Ugo Piscopo, Sandro Gros-Pietro, Antonio Spagnuolo, Umberto Vicaretti e altri.

2 pensieri su “E’ uscito “Blu”, l’ultimo libro di poesie di Serena Maffia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.