È uscito “Evoluzione delle forme poetiche. La migliore produzione poetica dell’ultimo ventennio”

Evoluzione delle forme poetiche
di AA.VV.
Edizioni Kairòs, 2013
ISBN: 9788898029174
Pagg. 784
A cura dei critici Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spagnuolo.

 

coverantologiaDalla quarta di copertina:  L’evoluzione delle forme poetiche vuole essere un consuntivo, un archivio storico realizzato per le scuole. Raccoglie una vasta scelta di autori che operano nel settore “poesia” al fine di poterne studiare le modalità di oggi, attraverso gli stili e l’evoluzione che hanno subìto negli anni le forme poetiche; mettere a confronto i poeti stessi e le loro diverse posizioni di fronte alla parola scritta che ha attraversato il tempo e le sue varianti. Una testimonianza, questa, della nostra tradizione poetica quale percorso significativo di una cultura contemporanea, configurata nei suoi tracciati differenziati, alla ricerca di prospettiche novità del linguaggio, quale forza segreta di una sostanza esistenziale che la rappresenti.

Tra le voci note della poesia italiana contemporanea trovano posto in questa Antologia: Mario Luzi, Giovanni Giudici, Alda Merini, Edoardo Sanguineti, Andrea Zanzotto, Elio Pecora, Umberto Piersanti (candidato al Nobel per la letteratura), Davide Rondoni, Giovanni Raboni, Luciano Erba, Giancarlo Pontiggia, Giuseppe Conte, Maria Luisa Spaziani, Giovanna Bemporad, Franco Buffoni e tanti altri.

Nel Volume figurano anche voci forse meno note al grande pubblico, ma parimenti significative, tra cui: Nazario Pardini, Sandro Angelucci, Leopoldo Attolico, Luigia Sorrentino, Maria Grazia Calandrone, Roberto Maggiani, Paride Mercurio, Carla de Falco, Emanuele Marcuccio e tanti altri.

Annunci

17 pensieri riguardo “È uscito “Evoluzione delle forme poetiche. La migliore produzione poetica dell’ultimo ventennio”

  1. E’ una emozione che non si può descrivere, quella che provo. Ho letto attentamente rigo per rigo e tutti i nomi citati nell’articolo. Ci sono persone che conosco, con le quali ho avuto contatti diretti. Tra loro, Emanuele Marcuccio, mio grande amico poeta, nonché, come amo definirlo, “mio maestro”. Mi pregia sapere che una così bella persona, letterariamente capace sia giunta a questo meritatissimo e sofferto traguardo. Complimenti a tutti i presenti in questa antologia – mi rivolgo soprattutto agli autori meno noti – perché lasceranno impronta indelebile nella storia della letteratura.

    Mi piace

  2. Ottimo lavoro, davvero importante per la Storia Letteraria. C’era la necessità di formalizzare in qualche modo la Poesia di oggi. I critici e gli Editori stanno ignorando la necessità di lasciare impronta al futuro. Bisogna vedere in prospettiva. Questo libro verrà adottato come è auspicabile nelle Scuole. Complimenti ai curatori e grazie di cuore.

    Mi piace

  3. Un libro che si fa riconoscere per l’estrema cura e l’importanza dei poeti inseriti, ma anche per la cura e la meritoria attenzione rivolta alla Poesia in un tempo e in un ambiente sociale che la esclude e in gran parte a ignora. Grazie per aver pensato a questo consuntivo che lascerà impronta indelebile alla pagina culturale

    Mi piace

  4. Tra i nomi presenti nel Volume, con cui ho avuto qualche scambio di mail, mi piace qui ricordare Roberto Maggiani, ideatore e fondatore dello spazio letterario on-line “La Recherche”, il Prof. Nazario Pardini, Elio Pecora e Franco Buffoni.
    Una buona lettura a tutti!

    P.s. Errata Corrige: a pag. 584, all’ultimo verso della mia “Supersonica” mancano due sillabe, invece di “veloce” si legge “ve”, non ho ricevuto preventivamente le bozze… e anche la data è incompleta.
    Ho segnalato la cosa alla Kairòs sperando in una seconda edizione del Volume.

    Mi piace

  5. Spero che questo volume così curato, così impegnativo, diventi un appuntamento con la buona Poesia, spero soprattutto che lo prendano da esempio talune Case Editrici d’elite che non s’interessano più di poesia, e ne hanno decretato la fine. Spero e credo che questo lodevole tentativo fatto dagli egregi critici: Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spaguolo serva a riscaldare gli animi, a dargli nuovo ossigeno…La poesia in questo momento di delirio collettivo politico e sociale ne ha veramente bisogno. Grazie ai curatori per l’oneroso impegno intrapreso e per l’ottimo risultato ottenuto.

    Mi piace

  6. Peccato che in un’opera così meritoria siano stati “dimenticati” poeti non proprio ignoti e soprattutto riconosciuti come più che degni da eminenti critici letterari, tra i quali Giorgio Bárberi Squarotti, Domenico Cara, Vittoriano Esposito, Francesco D’Episcopo, Eugen Galasso, Giuseppe Panella, Franco Manescalchi, Antonio Piromalli e vari altri. La stessa curatrice, prof. Ninnj Di Stefano Busà, ne ha premiato varie volte uno con un 1° premio per una poesia inedita nel Concorso “Iniziative Letterarie” 1999, da lei organizzato, e con un altro 1° premio per una silloge inedita nel concorso “Cinque Terre” 2000, in cui ella era membro di Giuria.
    Peccato!
    Giorgina Busca Gernetti

    Mi piace

    1. Grazie per il Suo commento.
      In realtà come detto dalla poetessa Di Stefano Busà e dall’altro curatore, Antonio Spagnuolo, i nomi “altisonanti” mancanti non sono dovuti a una scelta dei curatori, ma da una scelta personale dei poeti che Lei cita che hanno deciso di non prendervene parte, giacché il bando di partecipazione era libero ed aperto a chicchessia.
      Cordiali saluti
      Lorenzo Spurio

      Mi piace

  7. Già, Lorenzo, ne parla anche nella prefazione, così hanno preferito non mescolarsi…
    Diversamente da grandi nomi della poesia italiana contemporanea, come ad esempio Umberto Piersanti, candidato più volte al Nobel per letteratura.

    Mi piace

    1. Non voglio fare polemiche, ma Emanuele Marcuccio non ha compreso del tutto il significato del mio commento.
      I nomi elencati appartengono a critici che hanno apprezzata la poesia di un’esclusa, di cui ora svelo il nome: Giorgina Busca Gernetti, cioè io.
      Non sono così presuntuosa da non volermi “mescolare”! Tutt’altro. Non sono stata invitata da nessuno dei due curatori, benché la prima mi abbia persino premiata e il secondo mi abbia accolta volentieri nel suo precedente Blog con recensioni anche sue, mie poesie e altro.
      La ragione da parte del secondo è che, siccome io non avevo accettato di partecipare nel 2011 a un’antologia di quattro o cinque poeti con 10 poesie inedite perché non volevo impegnarle con il copyright della Kairòs, mentre dovevano restare inedite per il mio libro “in fieri”, lui non mi ha invitata nel 2012 per l’Antologia-Repertorio, cui avrei partecipato ben volentieri.
      E’ chiaro ora?
      Giorgina Busca Gernetti

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...