“In salita controvento” di Anna Maria Gargiulo, recensione di Vittorio Sartarelli

Recensione di Vittorio Sartarelli

In salita controvento è il terzo volume di poesie di Anna Maria Gargiulo, una poetessa di talento, nata a Sorrento, che si affaccia alla ribalta dell’Arte poetica, finalmente e “solo di recente sono uscita in pubblico”, come ama dire lei stessa. Pegaso e la sirena del 2008, considerato come il suo esordio ma solo con uno pseudonimo: “Annarè” per una sorta di timido affaccio nel caotico mondo dell’editoria ma, che le ha permesso di ottenere subito un I premio letterario che non è rimasto isolato ma anzi, assieme agli altri riconoscimenti ricevuti ha consacrato il merito artistico che giustamente le viene attribuito. A questo primo esordio ha fatto seguito nel 2010 Nostalgia d’orizzonti altra raccolta di poesie molto significative ed evidente sintomo della sua maturazione artistica e letteraria.

A.M.Gargiulo.jpg“La poesia” nel suo più alto e sostanziale senso del termine, è la capacità di esprimere un contenuto di idee e sentimenti in modo atto a commuovere, suscitare emozioni, a eccitare la fantasia. La sua caratteristica più propria è quando contiene tutto ciò che riesce a suscitare emozioni e suggestioni di natura estetica che colpiscono particolarmente l’immaginazione e il sentimento. Giustappunto parliamo di Anna Maria Gargiulo che per noi è stata una piacevolissima scoperta, infatti, difficilmente ci è capitato di leggere nelle opere di un poeta, una profondità di riflessioni psicologiche e di saggezza umana in una corposa miscellanea con sentimenti e stati d’animo che toccano il cuore.

La poesia è un dono, un dono speciale, perché poeti si nasce e Anna Maria scrive poesie da quando era bambina ed è molto singolare come quest’artista sappia esprimere, pur nella ristrettezza essenziale delle sue liriche e nell’affannosa ricerca del proprio io, il suo amore per la vita e per la natura e, allo stesso tempo, manifestare, la sua rabbia, la sua tristezza e la sua solitudine, come la  nostalgia sofferente per un amore finito, il tutto orchestrato in una magistrale regia, con espressioni e sentimenti di saggezza e maturità, quasi filosofiche.

Il suo linguaggio, fortemente appassionato e la sua espressione lirica perfettamente strutturata, si confronta, spesso, con l’eterna metafora della vita, un continuo saliscendi tra gioia e dolore, felicità e rimpianto, tra conquiste e perdite.  Lo stile della Gargiulo, ha una sua autonoma capacità espressiva e, nella sua spontaneità meditata si nota l’assimilazione della grande lezione classica miscelata sapientemente con la cultura acquisita e le corde vibranti della migliore poesia del novecento, certo, Ungaretti, Montale e Quasimodo sono stati dei maestri incomparabili.

Un’altra cosa singolare che ci preme di evidenziare è come, forse inconsapevolmente, questa poetessa, con queste tre raccolte di poesie sia riuscita a identificare tre fasi della sua maturazione artistica, con la sua opera prima Pegaso e la sirena  che è un inno alla vita, all’amore e alla natura, alla prima gioventù dove le speranze, l’amore e la felicità sono le principali aspirazioni dell’esistenza umana, anche se già, in essa, si notano i prodromi di quello che la vita riserva  nel suo excursus, le prime delusioni, le prime amarezze, le prime ferite.

Nella seconda raccolta Nostalgia d’orizzonti si nota già una maturità acquisita, nello stile, nell’espressione, nella filosofia della vita. La parola, infatti, ha un suo compito preciso, è parte di quella verità del linguaggio che nulla concede ad uno sperimentalismo inconcludente, di alcuni pseudo poeti di oggi. Gli orizzonti si sono ampliati e nuove speranze mai sopite ma solo vagheggiate spesso sono di breve durata, c’è anche posto per la preghiera e per un Dio che possa venire in aiuto a questa umanità sofferente.

Con l’ultimo lavoro, nel 2012, la poetessa completa la sua maturazione artistica e si mette in gioco, la sua lirica si fa più forte ed impetuosa e In salita controvento sperimenta ed evidenzia ancor più le asprezze e le difficoltà della vita, fino a metterne in dubbio il senso, ma, in fondo, questa è la vita che, a volte, con una mano ti dà e con l’altra si riprende quanto ti ha dato, con gli interessi. Ma il Vate non si dà pace e vuole risorgere da questa caduta dell’anima e ricominciare una vita nuova con nuove speranze e nuovi orizzonti, ma purtroppo “la vita è un viaggio di solo ritorno”.

Alla fine, il libro ha un’impennata metafisica, con la quale l’autrice, timidamente, maschera “l’ermetismo” ormai manifesto della sua espressione lirica. Il termine ermetismo, oltre a connotare una tendenza poetica del Novecento significa “perfettamente chiuso” ma anche “arcano, misterioso”. Infatti, le poesie ermetiche sono molto scarne di spiegazioni e descrizioni, ma sono piene di significati profondi. “La poesia è poesia quando porta in sé un segreto”. (Giuseppe Ungaretti)

In conclusione, leggere le poesie di Anna Maria Gargiulo, induce a riflettere e meditare, a cercare la serenità di spirito e una pacata rassegnazione dell’anima al passare inesorabile del tempo e della vita, dono supremo ricevuto da Dio. Sta a noi, poi, prima di restituire la nostra vita al Creatore, dimostrare di averla vissuta bene e correttamente, secondo i dettami della lealtà e del rispetto altrui, dell’amore verso il prossimo, della giustizia e della solidarietà.

VITTORIO SARTARELLI

 

L’autore del presente testo acconsente alla pubblicazione su questo spazio senza nulla pretendere all’atto della pubblicazione né in futuro. E’ severamente vietato copiare e diffondere il presente testo in formato integrale o parziale senza il permesso da parte del legittimo autore. Il curatore del blog è sollevato da qualsiasi pretesa o problematica possa nascere in relazione ai contenuti del testo e a eventuali riproduzioni e diffusioni non autorizzate, ricadendo sull’autore dello stesso ciascun tipo di responsabilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.